18 ottobre 2020

MILLY nasce a Rieti

 coccolata amata viziata in un giardino che è famiglia come figlia che è genitore

coccolata amata protetta

in un giardino che è famiglia

come figlia che è genitore

 La sua è una carriera umanistica formatasi nell’Architettura d’Interni a Roma “La Sapienza” nel 2008, con un occhio alla filosofia, a quell’esercizio del pensiero che poi applicherà arredando le case degli altri;

b8641c95-b123-4694-b2a5-d5b32b1773a4

Guido

Inizia la collaborazione con lo studio di progettazione “Pasquali e Associati”. Consegue il master in “Allestimento di spazi museali” presso la facoltà di Architettura de “La Sapienza”.

Partecipa  alla biennale d’architettura del 2008 per l’allestimento del padiglione “INARCH”;  si occupa del coordinamento del padiglione I.E.D. in collaborazione con Ikea al festival del cinema di Roma dello stesso anno, continua l’attività di ricerca mirata alla progettazione d’interni come assistente del corso di “Design industriale” e al “Laboratorio di progettazione d’interni” tenuti dal prof. Giuseppe Pasquali.

Ha insegnato  allo I.E.D. di Roma nel Master in Interior Design raccontando agli studenti  di Van Gogh e della sua stanza in cui il colore è una visione;  dove lo spazio si fa deformato su diverse prospettive creando una complicità emotiva con lo spettatore.

la stanza di van gogh

Come Van Gogh vuole rappresentare uno spazio personale, Milly lavora individuando la stanza tutta per sé nell’interior design.

come nasce un'idea

Si sente “ruvida”, con dentro di sé un’energia che arriva dal proprio percorso personale, sente che la tecnica non le appartiene professionalmente: “Ho provato con tutta me stessa a fare quello che facevano gli altri, il mestiere, usare la tecnica, ma non ne avevo i requisiti. Avevo di più gli aspetti legati a caratteristiche insite nella mia natura e che raccontano sì un percorso tecnico ma rurale, poetico”.

b39cdb5e-d0f3-4b25-99ab-335914b4ac18

Racconta da dove le arriva l’ispirazione: “l’aspetto  campagnolo delle tovaglie a quadrettoni, la vita domestica  di provincia: il mio disegno è caratterizzato da quello che ho vissuto, le cucine delle nonne con le maioliche dipinte a mano, una dolcezza di avemarie alla domenica, la farina sui ripiani della cucina e il profumo dei biscotti e del pane, la consistenza dei lini e delle canape, le sale da pranzo dove la famiglia si ritrova.”

il dio delle piccole cose

la casa di Nina

“Il mio gusto è provinciale: quando incontro elementi che hanno fatto parte della mia infanzia, ritrovo l’umanità che ho vissuto e che mi piace, in cui mi riconosco. Questo mondo rurale e provinciale ha bisogno di un’identità; tutto è prezioso.”

winter time in the countrysideside

Abitare in campagna

interior's feeling

E così “Noi siamo il prodotto dell’eredità di un vissuto altro e della nostra storia da narrare”

Siamo storie da cucire

marta

la bottega dell'artigiano

Tele di Penelope

Penelope

Milly sente che questo diverrà centrale nella contemporaneità del design, come rilettura, accostamento fra il passato, il presente e il futuro.

Bruna- Stoffe vecchie

Allora a  25 anni arriva il negozio: portare avanti una proposta di disegno d’interni incontrando le persone, comunicando attraverso le proprie visioni da interior perché arredare è un percorso espressivo, mai solo la combinazione dei giusti complementi.

Arredare è POESIA: scegliere tessuti, toccarli, usarli in chiave contemporanea, perseguendo un’etica del mondo nuovo: non buttare, non scartare nulla, ma rigenerare il passato, renderlo contemporaneo è questione di dettagli.

1cd42d88-4962-4dc3-8997-70565ae22bf4

Bisogna agire con spontaneità, creare ciò in cui si crede, al di là della propria preparazione: partire da un disegno, uno schizzo per arrivare al cuore del progetto.

work in progress nella poesia dell'interno

Soprattutto, ascoltare le storie personali per arrivare all’idea di una stanza, attraverso un ricordo, un tessuto, una vecchia poltrona, a cui dare nuova vita.

poltroncine 1

poltroncine 2     poltroncine

new sofà

L’importanza di chiamarsi COLORE

il casino che piace a me

Colore come espressione di libertà, perché il colore nasce dalla luce; “Perché due colori, messi uno a fianco all’altro, cantano? C’è qualcuno in grado di spiegarlo?” – afferma Pablo Picasso

Colore come scelta politica perché i colori sono in grado di aumentare il livello di attenzione di un osservatore, la sua partecipazione, la sua comprensione.

c7ce80b8-290f-49f3-8f5d-3673a2703212

“Il colore soprattutto, forse ancor più del disegno, è una liberazione.”

(H.E. Matisse)

Colore come memoria:

“A volte le parole non bastano.

E allora servono i colori.

E le forme.

E le note.

E le emozioni.”

A. Baricco

Colore come progetto: perché  i colori sono difficili da usare, li devi studiare; i colori devono comunicare, rendere interessante una casa, la sua identità, la sua anima.

Ma se una persona è composta da tanti colori, è una simultaneità difficile da rendere: rappresenta un colloquio con l’ospite inquietante che ci abita. Per esempio il giallo suscita qualcosa che irradia, come la luce del sole, mentre il blu qualcosa che racchiude, come l’universo. Il rosso sembra invece in movimento ma su se stesso, come il fuoco o il sangue.

“Il Bianco non è una mera assenza di colore, è una cosa brillante e affermativa, è feroce come il rosso, è definitivo come il nero. Dio dipinge in molti colori; ma Egli non dipinge mai così magnificamente, mi verrebbe da dire quasi grandiosamente, come quando dipinge di bianco.”

(G.K. Chesterton)

Viviamo, però, in un mondo di modelli teorici ai quali ci ispiriamo, non ragioniamo in virtù del nostro sesto senso, siamo figli dell’illuminismo; rispondiamo a dei parametri, ci incaselliamo.

Ma in questa simultaneità si può leggere, si può prendere confidenza con questi aspetti.

“I clienti arrivano a me perché  mi associano a lavori alternativi, creativi.

7326aeeb-b664-4ae8-b940-495b0c5ac26d

Mi vogliono perché ho una personalità curiosa. Non appartengo ad una categoria, trovo ispirazione nella storia dell’arte, in ciò che mi comunica dolcezza, femminilità, una giusta collocazione universale degli spazi.

f77355b4-4568-40e1-a4d0-5d7bc23ada84

Mi piacciono tante cose insieme. E’ biografico. Si ha una diversità quando si è figli di due personalità in contrasto.

Lavoro riscattando una femminilità messa da parte, un romanticismo, una dolcezza che traccio nella ricerca e nello studio delle mie creazioni.”

0f641da6-1552-48bb-8830-d51c426515cf

“Il mio cliente è qualcuno che intuisce le peculiarità caratteriali, particolari e trasgressive rispetto ai canoni estetici della sua età, del suo vissuto, delle dinamiche personali, del proprio status sociale; ha un gusto spartano-meditato, ricerca una diversità. Io stabilisco una relazione da questo raccontarsi. Mi fido del mio istinto, cerco più informazioni possibili, immagini evocative.”

Poi, seguendo il consiglio del suo mentore G.Pasquali, fa il “fuori pista”, guarda altrove, sfoglia altre storie.

“Passo poi all’esecuzione: produco materiale grafico, collages che hanno un’anima.

d3d565d0-9b13-42e6-9829-8dea58dbafa7

  86e0837c-bb3e-46b1-889c-f8f33db4a61b

eabd0a7f-2b79-41d3-88f3-798d5dad1df1

Io rendo armonico ciò che desidera il cliente, lavorando sulle contaminazioni PassatoPresenteFuturo, così variegato e contemporaneo.

La TEMPORALITÀ:  è necessario dare nuova vita a ciò che ha una memoria.

Perché rinnovare non significa cambiare identità ad una casa, ma restaurarla con una visione attuale, preservandone l’anima; rileggere l’abitato in chiave contemporanea dove integrazione e guizzo creativo evocano il passato, leggono il presente e anticipano il futuro.

“Lo SPAZIO, quanto è importante lo spazio, costruire il proprio spazio: non è banale, il posto in cui si vive ed è necessario trovarci la propria dimensione.”

Lo SPAZIO INTERIORE

“C’è chi pensa che lo spazio sia una giusta apposizione di elementi. C’è chi ha urgenza di comunicare e ha la propria ossessione come figura da inseguire, è l’urgenza di perseguire le proprie esigenze espressive, una costante propria ad ogni professionista.

 E’ ricerca artistica del cliente e del progettista: bisogna essere alternativi, legati alla trascendenza, al lato spirituale più intimo e personale; serve parlare di ciò che non è strettamente materiale. Nella vita di un uomo ci sono momenti simbolici, profondi: sono passaggi di spazi interiori, valori di comunione e condivisione spirituali.

Dove finiscono quei luoghi che ci hanno formato e che non sappiamo disegnare perché sono un sentimento?

Un album di istantanee in cui tutti abbiamo abitato almeno una volta.

Ogni interno che si rispetti dovrebbe tener conto di tutto questo.”

b8641c95-b123-4694-b2a5-d5b32b1773a4

 Parola di Milly.

se volete saperne di più, www.millymillesimi-interni.it

profilo Instagram millymillesimi

potrebbe interessarti anche

12/ 08 2020

Storie: IL RAGAZZO CON LA PIPA

IL RAGAZZO CON LA PIPA

@Alessandro Toniolli

Il ragazzo con la pipa

Alessandro nasce e  cresce nella terra fertile e nebbiosa della campagna reatina.

Poi il liceo, il servizio militare, l’università.

Tornare a Casa.

Ed è uomo adulto, padre.

“Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle”

È così che attacca a narrare, ogni domenica; a passo lento e linguaggio che insegue un orizzonte lontano, da raggiungere lungo tutta la vita, così come fanno gli uomini di mare.

Alessandro scrive già, per mestiere di notizie.

Scrive già, e chiude in un cassetto.

Da un po’, di domenica, scrive storie che appartengono alla sua memoria e alla storia di tutti noi, ed è già un appuntamento fisso su pagine condivise.

Sono storie salvate.

Le accogliamo qua.

28 GIUGNO 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle.

Questa è quella di quando Mike Tyson ha vendicato Muhammad Ali. Non è una storia di pugni e di sangue, non solo almeno, ma di uomini. Il 2 ottobre 1980 Muhammad Ali ha trentotto anni nove mesi e quindici giorni e non vuole smettere di combattere. È ricco, è un riferimento per la comunità afroamericana ed è sempre stato, già da prima del suo primo incontro, il pugile più forte di tutti i tempi. Ma è malato. Si parla di diagnosi nascoste, di certificati falsi. Ali sa di non stare bene. Lo sente. Avverte dei formicolii, e lui che aveva la testa e la parola veloci quanto se non più delle gambe e delle braccia, comincia a perdere colpi. Il pensiero è fulmineo come sempre, ma quando deve passare dalla bocca qualcosa si inceppa. Però non può smettere di combattere. Non può farlo. Così quella sera deve affrontare il campione del mondo Larry Holmes, trentun anni e all’apice della forma e della sua carriera. È stato il suo sparring partner, ma ora è il campione. È il momento: Ali porta in scena il suo personaggio e ci si infila perfettamente, ma nei suoi occhi si legge che questa volta sta recitando. Sia chiaro, è ancora un istrione. Lo è sempre stato. Ma ora deve esserlo, per forza. Anche fingendo. Non ha paura perché sa già a cosa va incontro, lo sa benissimo. Combatte la morte dandosi la morte pur di sentirsi ancora vivo per qualche istante. Il suo sguardo spiritato, solo per un attimo, vede la realtà. Poi torna di nuovo nel suo ruolo. Quello che gli spetta. Questo prima del gong il cui suono è come la campanella a scuola: finisce la fantasia e c’è solo la realtà. Per qualche frazione di secondo compie alcuni movimenti che gli ricordano quando si sentiva vivo. Ed è per questo che è là sopra. Su quel ring. Per sentirsi vivo anche solo per un secondo, anche se tutto il resto sarà dolore e le conseguenze lunghe negli anni. Muhammed Ali è forse il più grande intellettuale del novecento e tutto questo lo sa, non può non saperlo. Questa è una storia, non è una favola e allora Holmes picchia Ali quasi ininterrottamente per 10 lunghe riprese, vincendole tutte. Dieci riprese, trenta minuti di combattimento. Un’eternità. Un momento di dolore e di lotta per la sopravvivenza con la disperata speranza di quell’istante istante che ti faccia sentire ancora vivo. Durante l’incontro non si lega quasi mai all’avversario. Non vuole evitarsi nulla. Non è vincere o perdere. Ali è frastornato, è rallentato, sarà anche malato ma è Muhammad Ali e resta in piedi fino a che il suo allenatore non getta la spugna, perché non voleva finisse ancora. Forse voleva non finisse mai. Desiderare quel che non si può avere comporta soffrire. Ali sapeva che seguire la sua natura l’avrebbe condotto ad una punizione, la prese e la accettò, con la guardia alta e lo sguardo rassegnato. Ma in piedi, per prenderla tutta.

Ali

Michael Gerard Tyson nasce a Brooklyn il 30 giugno 1966 ed è forte. È forte e ama i piccioni. Li alleva, ci parla e quando ha dieci anni Gary Flowers tenta di rubargliene uno, ma per errore lo uccide. E allora Mike lo stende. Inizia a picchiare Gary Flowers per un piccione morto e non smette più. Picchia, poi ruba, picchia ancora e finisce in riformatorio. Molte volte. Là dentro incontra Mohamed Ali, in visita ai ragazzi dell’istituto. Il 22 gennaio 1988 Mike Tyson ha 21 anni, è campione del mondo ed è considerato da alcuni il pugile più potente di sempre, Larry Holmes ha 38 anni ma è convinto di poterlo battere con facilità. Almeno così dice. Mike ha una forza impressionante, vince quasi tutti i suoi incontri entro le prime tre riprese, ma non ha un padre. Ne aveva avuti quasi due, ma erano andati via troppo presto. Lasciandolo solo. Prima dell’incontro Mike ha una postura composta quando viene invitato a salire sul ring Muhammad Ali. Ali indossa occhiali da sole neri che nascondono gli occhi, un vestito sartoriale ed è elegante anche nel suo passo e nei suoi gesti incerti. Mike è composto e lo guarda poco anche se si avverte il suo rispetto. Forse sta pensando che è proprio così che avrebbe voluto un padre. Il migliore di tutti. E quell’uomo molto più alto davanti a lui aveva colpito quello che avrebbe voluto fosse suo padre tante e tante volte qualche anno prima. Forse Holmes a quel tempo già sapeva che Ali stava male. Ma Ali aveva scelto che il suo destino ed il suo castigo dovevano passare per le mani di Holmes, che non era un uomo cattivo. Ma Mike lo avrebbe battuto per lui. Nei pochi passi che compie sul ring andando verso Mike, Ali è di nuovo bello, forte e rassicurante. Si avvicina al suo orecchio sussurrando: “distruggilo Mike”. E quel ragazzo che amava i piccioni lo farà con la sua rabbia, la sua forza, il suo stile. Ma quasi cercando di restare ancora composto davanti a quell’uomo che da bordo ring lo guarda. Dietro quegli occhiali neri lo sguardo deve essere buono. Alla quarta ripresa Holmes va a terra tre volte. KO tecnico. È stato bravo Mike. Forse Ali sarà orgoglioso. Lui che non ha mai smesso di combattere e cercare attimi di vita, anche se dicono sia morto il 3 giugno 2016. Mike Tyson non ha mai smesso di amare i piccioni e di finire nei guai. Holmes partecipa ai talk show.

5 luglio 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle.

foto di repertorio

Ho sempre desiderato essere un cattocomunista. Non lo sono. Purtroppo la vocazione cattolica è sparita troppo presto. Quanto a quella comunista, serbo ancora un po’ di rancore verso Achille Occhetto. Sia chiaro, lungi da me criticare l’evoluzione del pensiero socialista ed il travaglio di un suo così alto esponente, ma un anno avrebbe potuto aspettarlo. Io invece ho compiuto 16 anni, età minima per tesserarsi alle organizzazioni politiche giovanili, l’anno dopo la Svolta della Bolognina. Tutto quello che è seguito, anche col nome comunista, non vale. Il Partito Comunista Italiano muore il 3 febbraio 1991. Quindi, non posso definirmi cattocomunista. Ma io un cattocomunista lo ho conosciuto. E lo ho conosciuto bene. Figlio di una numerosa famiglia proletaria del quartiere. Erano tanti. Tanti che quanti di preciso non so dire. Ricordo benissimo la madre, da sempre magra e anziana. A me bambino sembrava molto anziana, forse non lo sarà sempre stata, ma nella memoria è fissata così. Con i polpacci fini fini quando pedalava la bicicletta. Il padre lo ricordo meno, ma anche lui magro e anziano. Tutti comunisti. Comunisti come solo in Emilia. Perché in Emilia si era comunisti per ragione, amore e nascita. Anche da noi, per pochi eletti, era così. Ricordo la loro casa, ricordo perfettamente quell’odore di dignità e ristrettezze. Non ricordo niente di superfluo in giro. Non un giocattolo, nonostante due bambini e gli altri che lo saranno pure stati. Il cattocomunista era il più attivo in sezione ed il più attivo in parrocchia. Muratore, con le sue mani montava praticamente da solo la Festa de L’Unità come quella del patrono. Suonava ad ogni casa della grande campagna, anche la più isolata, per portare il giornale del Partito ed il prete a benedire. Per la campagna elettorale come per la raccolta della parrocchia. Bussava sempre lui ed suo sorriso. E tutti lo facevano entrare. Anche i fascisti. Se ricordo bene tre famiglie in tutta la pianura tra cui mio nonno. Ma con loro niente politica, solo parrocchia. Per quanto completamente e sinceramente credente nelle proprie convinzioni, tutte custodite con la stessa sacralità, era impossibile immaginarlo in una contrapposizione. Nemico solo di qualunque forma di vizio. Nemico del fumare, del bere, della lussuria, che però contrastava con tale grazia da non offendere mai chi li praticava. E naturalmente da non redimere nessuno. Quello forse era un cruccio, ma sentire di avere offeso l’animo di qualcuno sarebbe stato uno più grosso. E forse per questo, se lo faceva andare bene così. Lui era solo amore incondizionato e servente. Spesso mi sono interrogato, stupido e arrogante, sul suo mettersi a servizio. Perché non voleva essere lui segretario del Partito? Perché non voleva essere lui il prete o il vescovo? Ci sono voluti anni, e parecchi peli bianchi nella barba, per capire quanto alto potesse essere il suo senso di essere al servizio delle due istanze superiori per definizione: il comunismo e l’amore di Dio. Essere al servizio in quella sua altissima accezione oggi mi appare chiaramente in tutta la sua magnificenza. Io stupido e arrogante non capivo quello, come non potevo comprendere la sua assoluta serenità. La serenità di due fedi che portavano indiscutibilmente alla salvezza.

12 luglio 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle.

Marco era un grande cantante, un intellettuale raffinato e faceva traslochi. Quando lo ho conosciuto io era già stato molte altre cose. Note e whisky. Sudore e vino frizzante del bar. Tutto con una innata eleganza . Cosmopolita e di paese. Conosceva il mondo senza averlo visto, come Emilio Salgari e Antonio Ligabue. E aveva un senso dell’ironia che faceva luce. Falegnameria Santarelli e Alexanderplatz. Una tristezza ben celata. Marco con la sua camicia e Marco con la maglietta di Umbria Jazz 88. Marco e una maglia rossa. I zazarazaz del Bartali di Paolo Conte, il re della cantina di Vinicio Capossela ed i gorgheggi di Lucio Dalla. Chi conosceva il musicista ignorava quello che montava i mobili. Chi conosceva l’intellettuale ignorava il lavoratore. Molti gli ignari della strabiliante visione d’insieme. Un uomo ed un artista che era rivoluzione ed arte in sé. Un romanzo non scritto che usciva di casa ogni mattina con la sua Fiat Uno per tornare solo a notte fonda. Quando non di nuovo all’alba. Io Marco lo ho conosciuto e lo ho ammirato e gli ho voluto bene. Forse c’era una intesa naturale tra di noi. O forse mi piace pensarlo. Mi piace sapere e ricordare che insieme e insieme ad amici veri bevemmo una bottiglia di Sassicaia. Era il regalo di una donna che non era più importante e non faceva più male. Ma berla quella sera sì che è stato importante. Ed i sorrisi di Marco bagnati di quel rosso un regalo infinito. E sigari riserva. Poco dopo è andato via. È andato portando via tanto. Note, poesia, sorriso, notti, bevute. Un altro trasloco, l’ultimo. Forse. Ha lasciato una storia che magari si racconta ancora. In qualche bar di periferia ed in qualche locale jazz. Noi non ne parliamo. Se ci scappa il suo nome, facciamo un sorriso amaro e in silenzio buttiamo giù un sorso. È un brindisi a lui e pure questo non ce lo diciamo.

foto di @emiliano grillotti

Foto di @Emiliano Grillotti

Festa del Sole 2011, concerto di chiusura di Marco Paolini ed i Mocambo. Una cosa che facemmo insieme.

Maurizio Santarelli c’è sempre stato.

19 luglio 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle.

mare

L’Adriatico è un mare idraulico, intelligente ed operaio. È il mare della gente delle pianure e di quella dell’Appennino. È il mare di chi non sa cosa sia il mare e di quelli che sono nati e vivono con la pelle salmastra. È il mare dei grandi pescatori e di quelli con la canna sui pochi scogli e nei porti. È l’estate di noi tutti bambini. Dei miei Mondiali dell’82. Dei padri che arrivano il fine settimana. Del mio che arriva con una biciclettina rossa nel portabagagli dell’ Alfasud. Delle mamme che erano giovani, belle e formose. Sono figlio unico e sono stato un bambino piuttosto solitario. Inventavo per me storie fantastiche di cow boy, falegnami, marinai ed altro. Forse per questo ora non ne ho più. Devo averle finite. Mi incanta ancora molto di quello che vedo o che ho visto e ricordo, allora mi viene di scriverlo. Scrivendo, ora soprattutto, cerco di fuggire la paura che queste storie, come altro è successo e fa ancora male, possano fuggire anche loro. Mi illudo di fermarle, di tenerle con me. Forse da sempre cerco un antidoto al sentirmi solo. E mi illudo di comprendere meglio ciò che ho intorno, sapendo che non è vero. E questo magari è un bene: se comprendessi potrebbe svanire l’incanto e la voglia di capire. La vita in fondo è lunga ed in qualche modo bisogna pure impiegarla. Di quelle stagioni finite troppo velocemente ricordo alcune cose: I treni per Tozeur di Franco Battiato cantata insieme ad Alice, il bar dello stabilimento balneare dipinto di celeste, il profumo della mia colazione consumata in una tazza di plastica. Oggi mi piacciono le persone che affollano d’estate quella costa lunga e sempre uguale, quelli in canotta con la pancetta, ma anche i novelli vitelloni palestrati e tatuati. Le ragazze in perizoma e le signore anziane. Una umanità che con naturalezza abita questi luoghi senza sentirsi giudicata dal piano di sopra, come in una qualsiasi Capalbio che ha perso questo amore e questa empatia. Io a loro voglio bene e non è indulgenza, ma il riconoscersi in una semplicità che rimane tra le poche cose che al mio grosso naso ancora profumano di buono. Mi illudo di avere accanto, seduti su sdraio colorate, Federico Fellini e Pier Paolo Pasolini e che in silenzio tra gli schiamazzi anche loro si trovino a volere bene a questi luoghi ed a queste persone, che poi siamo noi, quello che siamo stati, quello che saremo. Perché non innamorarsi mai è quanto di più borghese si possa immaginare.

26 luglio 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle.

La storia si incrocia con le storie delle nostre famiglie, perché in fondo è vero che la facciamo noi.

Cesare Battisti classe 1875 fu un socialista, patriota ed irredentista. Luigi Toniolli classe 1889 coltivava le viti per la cantina sociale di Mezzocorona. Facce e storie di quasi un paio di secoli fa. Uno è morto impiccato, l’altro lontano dalla terra che aveva difeso. Le loro strade si incrociano nel Quinto Reggimento alpini, combattevano per Trento e per l’Italia contro gli austriaci. Pare che il 10 luglio 1916 sul Monte Corno fossero insieme ma Luigi ed altri militari di truppa siano riusciti a scampare alla cattura, Battisti no, di certo non erano loro l’obiettivo principale. Sicuramente invece Luigi ed i suoi compagni il 12 luglio 1916 erano nascosti in un sottotetto a Trento, guardavano verso il castello del Buonconsiglio ed hanno visto. Hanno visto il loro tenente arrivare su un carro tra le urla di scherno e le offese della folla. Hanno visto il boia Lang mettere il laccio al collo di Battisti e lo hanno sentito urlare forte per l’ultima volta “Viva Trento Italiana! Viva l’Italia!”. Hanno poi visto il laccio rompersi ed il boia impiccarlo di nuovo, facendo peso con il proprio corpo per portare a termine l’esecuzione. Si usava così.

Un pezzo di storia a cui ho pensato molto recentemente. Non so se le storie abbiano una morale, se ognuno ne possa trarre una propria. Si dice che la storia dovrebbe essere maestra, addestrare a non ripetere errori già commessi e già pagati. Una cosa come le botte ai cuccioli col giornale, ma più dolorosa. Io resto propenso al dubbio, e la situazione è aggravata da un certo pessimismo che non conoscevo e che pare aumentare come le candeline sulla torta. Forse si impara qualcosa, forse no. Forse si progredisce, forse no.

Luigi comunque ha vinto la sua guerra e non porta rancore, anzi suo figlio Rodolfo gli ha portato in casa una sud tirolese. Adelaide Zelger è nata a Klausen in Val D’Isarco e dopo la guerra la sua famiglia si è trasferita in Austria. Quando ha parlato loro di Rodolfo si è sentita dire “ma ti sposi un italiano?”. In tedesco, l’unica lingua che parlano. Ma loro si amano e comunque adesso il problema di Luigi è un altro. In Trentino c’è poco lavoro. La paga dei mesi in vigna non basta alla famiglia. Il Trentino ed il Veneto sono regioni povere. Vi basterebbe chiedervi perché tanti cognomi veneti nell’agro pontino. O perché nei film in bianco e nero le “ragazze di servizio” hanno sempre accento veneto. Da lì si va via a cercare un futuro migliore. Luigi e la sua famiglia lo cercano in provincia di Rieti. L’occasione è la costruzione delle dighe. La valle del Salto non è la sua valle e Luigi vuole guadagnare abbastanza per tornare a casa sua. E nel frattempo non acquisisce usi e costumi: mangia a modo suo, veste a modo suo ed ha l’aquila a due teste tatuata sull’avambraccio. Ora immaginate l’accoglienza ad uno coi pantaloni alla zuava ed il cappello con la penna all’osteria di Casa Penta. Pare siano stati necessari mesi e qualche cazzotto ben assestato per guadagnare il diritto ad un litro in pace ed in seguito anche qualche amicizia. Luigi è un socialista, patriota ed irredentista. Ed è un emigrante che vuole tornare nella terra per cui ha combattuto. Gli mandano la grappa dal paese ed è morto a Rieti nel 1970.

Walter, Grotti

Nella foto c’è Luigi a Grotti, Rieti. In braccio mio padre, per mano mia zia. Era il 1940. Mio nonno Rodolfo era in guerra e Adelaide lo aspettava. Anche suo fratello Umberto era al fronte, non è mai tornato. A dire il vero non si sa dove, se e quando sia morto. Pare che l’8 settembre del 1943 in Montenegro si sia rifiutato di consegnarsi ai tedeschi. Ma queste sono altre storie.

2 agosto 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle.

Questa è la storia di un aereo, della nostra montagna, di Vincenzo Curini e di miss Italia. L’aereo è un Douglas DC 6 Sabena, la nostra montagna è quella dietro cui nasce il sole, Vincenzo è un ragazzo nato a Capolaterra, proprio lì sotto. Miss Italia è Marcella Mariani, è bellissima, ha già girato nove film, ha gli occhi verdi e avrà per sempre solo diciannove anni. A dire la verità questa è anche la storia di Luigino Rossi, ma a me l’ha prestata Vincenzo attraverso la voce del figlio Ruggero, e quindi spero per questo mi perdonerà se lui arriva dopo.

A Terminillo quell’anno l’inverno è ruvido e freddo. Come quel pomeriggio del 13 febbraio 1955 quando l’aereo con a bordo i suoi 29 passeggeri, tra cui Marcella, decollato da Bruxelles alle 17:17, scompare dal radar. Lo cercano nel lago di Bolsena, nel viterbese, in mare. L’ultimo contatto del pilota con la torre di controllo di Ciampino è alle 18:53, poi la comunicazione si interrompe bruscamente. Passano i giorni.

È il 21 febbraio e Vincenzo e Luigino sono sul monte, seduti al bar dell’Albergo Cavallino Bianco quando sentono alla radio che un caccia G 91 in perlustrazione sul Terminillo ha avvistato la sagoma dell’aereo. La zona è nota a quelli del posto come Valle Fracia, un avvallamento in cui si raccolgono le acque provenienti dalle creste. Ma in questa stagione c’è solo neve, e tanta. Vincenzo e Luigino conoscono la zona, ci vanno a fare legna e sono giovani, con tutto quello che questo comporta in fatto di incoscienza. Hanno vent’anni e agiscono d’impeto e si mettono in marcia in compagnia di un aviere della casermetta. Ora non immaginate vestiti in Gore Tex sgargianti e lamine affilate, ma solo lana, fustagno, sci e pelli di foca. Questo c’era. Gli sci di Vincenzo sono Lamborgini Zig Zag e Ruggero, mentre racconta, ancora maledice quello che glieli ha buttati via, che prima o poi gliela farà pagare. La forza nelle gambe ed i vent’anni possono molto: il passo è sostenuto, le discese veloci, ma la fatica è tanta. Tanta come la neve e il freddo, quel freddo che devi respirare col naso per riscaldare un po’ l’aria, che se respiri con la bocca graffia da fare male e gela i polmoni. Ma quando hai l’affanno, provaci tu. L’aviere ad un certo punto molla, si deve fermare. I due proseguono, anche Vincenzo è stanco e si attarda dietro al compagno, senza però mai perderlo di vista. Al crinale di Valle Fracia arriva per primo Luigino, la coda dell’aereo è alta a bandiera, si avvicina ancora, ma davanti a quello che vede si blocca, pochi istanti dopo Vincenzo è al suo fianco, immobile anche lui.

E’ tutto fermo e silenzioso, come i corpi. Quelli però sono congelati. Occhi aperti, occhi chiusi, posizioni diverse ma il terrore di quell’ultimo istante di vita è rimasto cristallizzato e spaventoso. Fissi in quell’istante destinato a restare per ognuno infinito. Non so se in quei minuti hanno visto, hanno riconosciuto Marcella. Di sicuro anche lei era fissa nel suo terrore. Forse ha pregato o forse ha rivolto l’ultimo pensiero ad un innamorato, forse alla famiglia. Quell’ultimo pensiero resta comunque anche lui fermo nel gelo, come i suoi diciannove anni. Il ritorno in paese è più lento e dominato da quel silenzio che li aveva presi sotto le creste e non li ha mollati più.

Per il recupero dei corpi sono necessari nove giorni. Al lavoro con barelle di fortuna ci sono uomini, ragazzi e anche qualche donna di Capolaterra, di Lisciano, qualcuno di Leonessa. La montagna è animata di curiosi, giornalisti e autorità impettite. Vincenzo e Luigino vengono intervistati e fotografati dalla Domenica del Corriere, che a Marcella e alla tragedia dedica la copertina illustrata da Walter Molino.

La domenica del Corriere

La foto è proprio questa, Luigino a sinistra e Vincenzo a destra. La triste notorietà di un momento per quei due giovani montanari. Quando lo Stato distribuisce le medaglie per il recupero sono in molti ad appuntarsela sul petto. Vincenzo e Luigino no.

Per raccontare questa storia qualcuno ha scritto anche una canzone, ma io non so cantare, quella è roba da genovesi, e allora io la scrivo: “L’apparecchio partito dal Belgio, sorvolava il cielo italiano, il pilota si perse la mano, ventinove persone moriron… Tra queste c’era la bella, la bella Marcella…”

9 agosto 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle.

È l’estate del 1940 ed uno studente al quinto anno di medicina torna al suo paese per trascorrere le vacanze estive. Si chiama Donato Cattani e solo dopo qualche ora viene nominato medico condotto da chi occupa già quel posto: “da oggi farai tu il medico, perché io non posso più venirci; abito lontano, sono anziano e stanco”. Così gli dice. Queste che a voi sembrano fantasie romanzate sono in realtà le memorie di quello studente, divenuto poi medico, raccolte con amore e dedizione, da sua moglie Gianna Federici Cattani nel libro “Un medico condotto”.

Passano i giorni e tra visite ad anziani e la cura di piccoli malanni arriva il 7 agosto, Donato viene chiamato d’urgenza perché poco dopo Grotti c’è una donna che non riesce a partorire. Sellata la cavalla il giovane si mette in viaggio, consapevole dell’atto improvvido che sta per compiere. Perché lui non solo l’esame di ostetricia non lo ha sostenuto, ma non ha ancora neanche frequentato le lezioni. Però non gli sembra il caso di deludere le aspettative di quella povera gente per quello che lui considera un piccolo dettaglio. Perché sono anni di guerra e ai dettagli non puoi dare conto. Arrivato sul posto trova una giovane donna alta, bionda e con un forte accento tedesco che passeggia su e giù per la cucina tenendosi con le mani l’enorme pancia. Ad attenderlo c’è anche l’ostetrica che lo scruta con aria interrogativa. Lo studente fa ricorso a tutte le sue conoscenze, ostenta sicurezza e invita la donna a seguirlo nella camera matrimoniale. La fa sedere sulla sponda del letto con il marito al suo fianco, lui si mette dall’altro lato con la levatrice che davanti, in ginocchio, è pronta ad accogliere il bambino. Nella sua testa doveva funzionare così. I due uomini poggiano delicatamente le braccia sulle spalle della donna mentre Donato dice ciò che gli sembra più giusto: “spingi!”. Bastano tre spinte per veder uscire un bambino grande e forte. Ha funzionato. Pesa 6 chili. Il 26 aprile del 1976 quel bambino sarebbe diventato mio padre.

Mio padre mi ha insegnato l’amore per la natura ed i segreti della caccia. Una cosa del ‘900, da Mario Rigoni Stern, che ho imparato a conoscere nei racconti che ogni mese pubblicava sulla rivista Diana, cui era abbonato e che conservava con cura. Una cosa del ‘900 che valla a spiegare alle anime belle dalle mani senza calli di questo secolo quasi nuovo e di silicio. Mio padre ha sempre parlato poco, ma ha provato ad insegnare con l’esempio. Da lui ho imparato tutto quello che so fare, avvitare, svitare, aggiustare. La storia e la geografia. A stare sempre dalla parte degli ultimi, e degli indiani. Purtroppo non ho imparato ad essere buono come lui. È così buono che nonostante tutto il mio impegno non sono riuscito a deluderlo. E questa è una cosa di cui non ti liberi. Mio padre è veramente una persona buona, la più buona che io abbia mai conosciuto. Di quella bontà assoluta e costante che può solo farti incazzare. Mio padre ha conosciuto il sacrificio ed il raggiungimento dei suoi sogni piccoli, ed è rimasto buono e umile. Mio padre ha conosciuto il dolore, la malattia e tre o quattro volte la morte. Ma è rimasto sempre buono e gentile. La seconda volta che ha incontrato la morte me lo ricordo steso nudo in un letto di rianimazione e privo di conoscenza, ma aveva il petto talmente largo e forte che io e lui sapevamo che non era finita lì. Sono passati più di una decina d’anni e oggi ne compie 80. Nonostante molti medici mi abbiano detto non so quante volte che era finita. Ma forse l’unico ad avere ragione è stato quel Donato Cattani ed il segreto è crederci e spingere.di anni fa.

Non siamo tipi da foto o selfie, questa infatti è la più recente ed è di un paio di anni fa.

Ale e Walter

Stavamo a Terminillo ed eravamo contenti.

 

 

16 agosto 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Vivere la primavera a Roma quando hai vent’anni è quanto di meglio ti possa capitare. Ed io ho vent’anni, l’aspetto di un Kurt Cobain di paese, il cd taroccato dei Blur nelle cuffie e sto salendo sul motorino. Anzi sulla motorella come avrei detto allora. Sono circa le 9 e mezza e sono sotto casa in via Chiabrera, quartiere San Paolo, quando alzo gli occhi e vedo un elicottero. Ma non si muove, sembra immobile nel cielo pulito. Continua a starmi davanti mentre percorro l’Ostiense, è lì mentre costeggio la Piramide. Quando prendo con le ruote le buche più grandi il lettore cd nella borsa che porto a tracolla salta. È ancora fisso sul mio orizzonte dietro il Colosseo. Resta fermo e si fa sempre più grande. Mentre vado avanti noto che fa piccoli giri intorno ad un ristretto perimetro immaginario. Io sto andando in facoltà, a Sociologia, in via Salaria 113. È il 20 maggio 1999 e avvicinandomi capisco che è fermo proprio lì sopra. Tanta polizia insieme non l’avevo mai vista. Ma che abbiamo combinato? Il Collettivo deve aver messo su qualche casino, e ci sta che io non ne sappia niente, io non lo frequento, io frequento il 32 in via dei Volsci, molto meno intellettuale. Adesso mi dicono sia diventato un covo di fascisti, cominciavano ad avvicinarsi in quel periodo con il gruppo ultras dei Boys ed un certo Zappavigna. No stavolta non abbiamo fatto niente. È tutto più grande. Hanno sparato a Massimo D’Antona. D’Antona è un professore universitario, consulente del ministro del Lavoro Antonio Bassolino, governo D’Alema, e lavora al “Patto per l’occupazione e lo sviluppo”. Questa la motivazione della condanna a morte. La firma Brigate Rosse per la Costruzione del partito Comunista Combattente. Quando non c’è lezione vado a studiare in Facoltà e resto lì finché non chiudono tutto. Poi a cena alla mensa di Economia, non si mangia male, ti fanno pure la pizza e le ragazze a primavera sono belle. Imparo a conoscere tutto, il sesso e i quadri, gli eccessi e la bellezza. Il caffè al bar del compagno Vezio dietro Botteghe oscure, un confusionario e tenero museo del PCI, con le pareti piene di foto e chincaglieria. Mi guarda con gli occhi buoni mentre tremando per il Parkinson mi avvicina la tazzina. Tutto consumato con la stessa fame provinciale.
Massimo D’Antona abita in via Salaria e va a lavoro a piedi. Percorre il marciapiedi dal lato opposto di Sociologia. Ad un certo punto il passaggio si stringe, ci sono dei grandi vecchi cartelloni della pubblicità di ferro. Il posto ideale per un agguato infame. Il furgone in cui lo aspettano nascosti è parcheggiato poco prima del tabellone. Io lo ho notato quel furgone: un Nissan bianco con in vetri dietro oscurati dalla vernice dello stesso colore. Lo ho notato per un motivo semplice, quella è una zona di parcheggi a pagamento e nel raggio di qualche centinaio di metri non ci sono case abitate. Solo negozi ed uffici, con le macchine parcheggiate che cambiano in continuazione, dentro una e via l’altra. La sera poi ne restano ben poche. Quel furgone è lì da qualche giorno. Io lo ho notato. Io. E non riesco a scordare che lo ho notato. Quell’estremo rigurgito brigatista è costato la vita poco dopo anche a Marco Biagi. D’Antona girava a piedi, Biagi in bicicletta. E poi, sul treno Roma Firenze, al sovrintendente della PolIzia Ferroviaria Emanuele Petri. In quell’occasione muore il brigatista Mario Galesi e viene arrestata Nadia Desdemona Lioce, erano i due che avevano fatto fuoco in via Salaria. Ci sarebbe un’altra vittima, Bruno Fortunato, è rimasto ferito in quella sparatoria ma non muore per quello, si suicida qualche anno dopo. I suicidi non godono di buona stampa, così di lui non si parla mai.
Finivano gli anni 90. I miei anni 90. Io cerco qualcuno che mi ripari il motorino.

nuove BR

23 agosto 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Questa settimana ne avevo in mente una per raccontare quello che è successo ad Amatrice ed in buona parte di Appennino alla fine dell’agosto 2016. Volevo farlo da un punto di vista diverso. Lo avrei fatto raccontare ad un cane, ma non un cane qualsiasi. Forse sarebbe stata una bella storia, ma non ce l’ho fatta. Ogni tanto bisogna stare zitti, anche con la penna. Forse prima o poi la scriverò. Chi legge sa che tra le parole vuole trovare qualcosa di tuo, o se non tuo di qualcun altro, che permetta di rivivere le esperienze belle ed esorcizzare quelle brutte. Ed in quel momento le tue parole hanno una piccola funzione. Me ne rendo conto, ma stavolta credo sia giusto dare spazio al pudore e al rispetto. E poi almeno in questo faccio un po’ come mi pare.

Quindi non ci sarà nessuna storia. Ma due righe sulla mia terra le scrivo uguale. La mia terra, anzi la nostra terra si chiama Appennino, e già che non sappiamo questo mi pare cosa grave. Siamo di Cantalice, di Civitella del Tronto, di Porretta Terme. Tanti paesi divisi in tante regioni e non ci accorgiamo di essere uguali. Un nome lo abbiamo, ma non lo usiamo. Non sappiamo neanche come ci chiamiamo, ma se ci incontriamo in uno dei nostri bar, che pure quelli sono tutti uguali con la cameriera con il culo all’insù, la scollatura aperta e piena ed il sorriso sincero e facciamo due chiacchiere capiamo tutto. Uno che paga da bere si trova sempre e ci troviamo a capire che il problema più grande che abbiamo è che la gente parte e non torna più. Che ormai non ci sono più i giovani e che sono proprio le loro mani, le loro teste, i loro libri e le loro motoseghe che ci servono. E serve pure una buona compagnia per quel tesoro della barista, che i vecchietti e pure il prete ci provano a fare il loro, ma mica vale. Che poi oggi che il mito della città è moribondo come quello delle grandi fabbriche che hanno creato insieme l’inurbamento ed il nostro spopolamento, capirlo dovrebbe essere pure più facile. Chissà se a Marina che sono sei mesi che è in smart working nel suo appartamento di 80 metri quadri a Roma, pagato con una promessa di 30 anni di vita, è venuto in mente che quel lavoro col nome così moderno lo poteva fare anche da casa della nonna a Genga, che è chiusa da trent’anni e forse viene giù. Che magari poi a Genga o a Turania, se l’idea viene ad una decina di giovani come Marina, si riapre l’asilo e poi vai tu a vedere come va a finire. Poi Roma, L’Aquila, Bologna o Pistoia per andare a vedere un film in 3d, una mostra, un concerto o bere un drink come cristo comanda non sono mica così lontane. Il lavoro oggi potrebbe tornare qui, anzi i lavori, tanti e diversi e riportare con loro un borsone di Francesco, Lucrezia, Maria, Giovanni, Vincenzo e pure qualcuno con un nome del cazzo tipo Loris, Samuel e Pamela.

Io sinceramente ho creduto che l’immane tragedia del terremoto avrebbe acceso la luce su queste terre. Gli anni passano e a volte ci credo meno.

Spero di tornare a raccontare una storia la settimana prossima, la penna è sempre carica, il resto a volte no.

 

Ritorno sui monti naviganti

 

 

Le foto le rubo, e lo so che non si fa, ma sono un peccatore impenitente. Questa la ho rubata perché magari a qualcuno viene voglia di leggere La leggenda dei monti naviganti di Paolo Rumiz. Oppure di vedere il film documentario Ritorno sui monti naviganti che sono proprio belli.

https://m.feltrinellieditore.it/opera/opera/la-leggenda-dei-monti-naviganti/

http://www.artemidefilm.com/i-film/ritorno-sui-monti-naviganti/

30 agosto 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Henri De Toulouse Lautrec era uno che raccontava storie, e lo faceva dipingendo. Lo vogliono come uno storpio che guarda un mondo luminoso, fatto di seni giovani e gambe lunghe con famelica e triste cupidigia. Lo vogliono come il mostriciattolo che osserva la bellezza e le notti senza freni per poi tornare nella sua tana a dipingerlo. Io voglio raccontarlo come chi in quel mondo si è ricavato un suo spazio nonostante tutto. Ironico, divertente e divertito, confidente leale e rispettoso di prostitute. Lui che per i giudizi sommari tanto soffre non è mai giudice, ma sa consolare. Per un periodo vive in un bordello, la casa di rue Des Moulins. Amico e compagno di eccessi e di arte di cantanti, attori e ballerini. Un talento modernissimo ed una sete di vita che l’assenzio non spegne ma fa divampare.
Sì, è alto un metro e mezzo, con le gambe che arrivano appena a settanta centimetri, una condizione che gli consegnerà l’onore di una sindrome tutta sua: la sindrome di Toulouse-Lautrec. Ma è un bohémienne, veste elegante e non esce mai senza bastone da passeggio. Anche perché è cavo per contenere il mezzo litro di assenzio che non manca mai. Almeno fino a quando non inizia la notte. Euforia e depressione. Vette e abissi. Si fa fotografare vestito da pagliaccio e accende risse senza motivo. Tutto troppo veloce ma tremendamente vitale. Perché solo chi non è mai stato vivo non capisce quanta vitalità ci sia nella tristezza più profonda. E le donne, la carne e le ossa, il salato del sudore e l’odore forte. Che ogni volta è diverso e ogni volta affama di un altro ancora diverso e ancora ancora. Il furore di un corpo disgraziato e “la virtù meno apparente. Fra tutte le virtù la più indecente” citando De Andrè, che gli fece guadagnare il soprannome di cafetière. “Sempre e dovunque anche il brutto ha i suoi aspetti affascinanti; è eccitante scoprirli là dove nessuno prima li ha notati” diceva, e sesso e pittura erano la stessa cosa. E poi il sonno e la stanchezza, che non è mai abbastanza come il fumo nei polmoni. Alla parola irrequieto i più associano una accezione negativa, non capisco. Non capisco perché mai bisognerebbe essere quieti, magari quieti e rassegnati. Henri de Toulouse Lautrec non è quieto e non è rassegnato. Ricco e nobile di nascita, amato dal padre che gli consiglia l’amore per la natura e gli spazi aperti si immerge invece, per trovare respiro, negli scantinati di Montmartre. Con follia e delicatezza beve quel mondo e quelle persone così lontane dalle sue origini come l’unico veleno capace di allontanare i suoi dolori. E quel circo stabile gli regala tutto ciò di cui ha furiosamente bisogno. E la sifilide. E l’amicizia con Van Gogh fatta di scambi d’arte e debolezze ai tavoli dei bar. Toulouse debole nel fisico e Vincent debole nella mente. Amicizia che Toulouse ripaga come sa, con un ritratto.
Tanta vita tutta insieme però ti ammazza presto. A volte trentasei anni possono bastare e come un ragazzo che è uscito a fare un giro torna a Malromé, nel castello di famiglia, dalla madre. Henri Marie Raymond de Toulouse Lautrec Montfa si addormenta alle due e quindici del nove settembre millenovecentouno. La sua notte a Parigi è durata circa vent’anni, è il momento di riposare.

Henri de Toulouse Lautrec

6 settembre 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Umberto Toniolli è morto l’8 settembre del 1943, ma mica è vero. Però su un certificato di morte una data la devi mettere. Anche se in realtà non sai quando e neanche dove. Sempre a condizione che sia morto. Questa è una storia che inizia con “uno che ha tanto tempo e pure il lusso di sprecarlo” e che un giorno, senza un vero perché, decide di saperne di più di quel fratello di suo nonno che dalla guerra non è mai tornato. Non è facile crederlo, ma dal 1943 al 2018 nessuno si è chiesto troppo, perché noi Toniolli siamo gente semplice: arriva la cartolina e partiamo militari, ci dicono che siamo morti, e noi moriamo senza tanto questionare. Nel 1999 sono partito anche io, in tempo di pace guadagnata dagli avi e con agi ben differenti. La passione per le storie raccontate c’è sempre stata, e il pomeriggio che si è affiancato un dubbio, è arrivata la scoperta. Tutto in una schermata asettica: Toniolli Umberto 20/04/1913; data del Decesso/Dispersione: 08/09/1943; Luogo del Decesso: JUGOSLAVIA; Luogo di Sepoltura: sconosciuto. Troppe cose che non tornano anche per una famiglia che non si fa domande. Si può anche soprassedere sul fatto che la Jugoslavia non esista più da qualche decennio, ma che uno decida di morire o scomparire proprio l’8 settembre, senza neanche degnarsi di lasciare un indirizzo per mandare i fiori, è troppo pure per un Toniolli. Servono a poco le email spedite agli uffici preposti del Ministero della Difesa. Le risposte arrivano: nella prima un colonnello con la sua bella prosa asciutta e marziale mi invita a fare ricerche che ho già fatto, nell’altra un pari grado, ma con il cognome diverso, pur ringraziando della sensibilità dimostrata nei confronti dei “nostri Caduti” , 960 mila, aggiunge poco o niente. È servito invece un po’ di tempo, i pochi ricordi di famiglia e il supporto nella ricerca dell’amico e alpino Ruggero. Così sommando dettagli e deduzioni qualcosa riusciamo a scoprire.
Per cominciare siamo in Montenegro e quel giorno, più che una data destinata a finire sui libri di scuola, è un qualunque mercoledì di guerra. Almeno fino a quando al cospetto della Divisione Venezia della Fanteria di Montagna non si presentano dei tedeschi invitando i nostri a deporre le armi e consegnarsi prigionieri. Mi viene facile immaginare che l’offerta, a chi da qualche anno già combatte su quelle montagne, non sia sembrata del tutto convincente. Sono soldati italiani spediti lì per ordine del re, che nelle valli e montagne da cui vengono del capo del governo, se pure ha un mento importante e la voce forte, a loro interessa il giusto. Ma se il re ti dice di fare una cosa tu la fai, perché così ti è stato insegnato e ti fai poche domande. Non so se i modi usati dai tedeschi, ai quali gli italiani e in special modo i trentini da generazioni inviano piombo anche con un certo piacere, siano risultati una eccessiva forma di confidenza. Non so neanche se gli ufficiali si siano consultati con la truppa. Fatto sta che, in mancanza di ordini coronati, quei ragazzi hanno scelto di fare ciò che in famiglia hanno loro insegnato. Da sempre. E così hanno risposto “no grazie” rispettando l’usanza di sparare ai tedeschi. E Umberto è con loro. Le truppe del Fuhrer sicuramente gradiscono poco e con buona approssimazione il tiratore scelto Umberto Toniolli cade in battaglia non si sa quando, non si sa dove, centrato dai colpi di un nemico sconosciuto ma particolarmente dotato di mira o fortuna. Certamente se è morto è morto da militare italiano. Quei soldati finiscono per unirsi alla resistenza montenegrina, diventando la Divisione partigiana Garibaldi. Forse Umberto non è morto, ma ha continuato a combattere con loro e ha vinto e poi si è fatto una vita nei Balcani. Ma ci credo poco, a casa c’erano la famiglia e una ragazza magra e mora che lo aspettava. Il finale, quello vero non lo sapremo mai, ma una data di morte la devi mettere e in fondo 8 settembre 1943 è un bel giorno per morire. Forse.
A me, che ho sempre amato poco i luoghi comuni, questa storia qualche riflessione l’ha consegnata. Perché quando da sinistra si deride se non si osteggia apertamente il patriottismo bisognerebbe dire “calma, fermi un attimo”. Ed ecco ancora perché quando da destra ci si erge a soli difensori della patria bisognerebbe dire ugualmente “calma, fermi un attimo”. È tutto più complicato ma anche più semplice. E con umiltà, ora che siamo tutti fermi un attimo, dovremmo forse dire che del senso della patria in realtà non abbiamo capito molto. Se fossi appena un po’ più sensibile alla retorica direi che la patria non sta a sinistra o a destra, sta sopra. Ma io sono solo uno a cui piace raccontare storie.

6 settembre

13 settembre 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Abebe Bikila ha vinto la maratona di Roma il 10 settembre 1960 correndo a piedi nudi. Oggi molti eventi sportivi vengono organizzati per vendere scarpe. Quella del ragazzo nero scalzo che nel buio di una Roma imperiale vince la gara più massacrante è un’ immagine potente capace attraversare gli anni. Ci vogliono quarantadue chilometri e centonovantacinque metri per scrivere una leggenda africana nella città più bella del mondo. Una leggenda degna di una canzone di Paolo Conte. Il nome di quel ragazzo magro e con le guance scavate è Bikila ma in Etiopia si usa nominare prima il cognome, quindi lo abbiamo sempre chiamato per cognome e nome, ma se al suo paese si usa così, a lui non sarà dispiaciuto. La volontà del destino sembra chiara e lo fa nascere a Jato, un villaggio a nove chilometri da Mendida nella regione degli Amara il 7 agosto del 1932, il giorno in cui si corre la maratona olimpica di Los Angeles. Ma tutta questa storia corre in equilibrio tra retorica e casualità e bisogna farci l’abitudine. È anche una storia breve come la vita di uno che muore a quarantuno anni. A Jato il padre di Abebe Bikila fa il pastore, lui invece è un agente di polizia, ma non uno dei tanti, perché appartiene al nucleo scelto della guardia personale dell’imperatore Hailé Selassié. È vincendo una gara organizzata tra gli appartenenti ai corpi di polizia ed esercito etiopi che viene notato dall’allenatore della squadra nazionale di atletica, il finlandese Onni Niskanen. A Roma però, alle Olimpiadi non avrebbe dovuto esserci, ma quando il destino ha deciso è difficile dissuaderlo e l’infortunio di un certo Wami Biratu, gli regala un biglietto per la Città Eterna.
Il percorso è studiato per mostrare al mondo intero che Roma si è rialzata dalle macerie della seconda guerra mondiale, maestosa come sempre e chissà che effetto ha fatto al giovane Abebe Bikila guardarsi intorno. Quello che sappiamo è che lui un paio di scarpe Adidas nuove di zecca le ha. Ma le trova scomode, è abituato a correre scalzo e ha paura che quelle calzature con tre strisce gli facciano venire le vesciche sotto ai piedi. E allora decide di partire scalzo. Qualcuno dice che è perché in quel modo sentiva la voce del suolo che gli parlava. Sicuramente asfalto, sampietrini e buche gli hanno detto molto quella sera. Abebe Bikila parte bene e dopo 25 chilometri è chiaro a tutti che quella ormai è una questione tra lui ed il marocchino Rhadi Ben Abdesselem, che prova in tutti i modi a staccarlo, ma il nome scritto sul quaderno del destino non è il suo e sull’Appia Antica mentre il sole comincia a scendere Bikila respinge tutti gli attacchi. È un uomo solo, quando con la maglia verde numero undici taglia il traguardo sotto l’Arco di Costantino illuminato dalle fiaccole. Il primo africano a vincere una medaglia d’oro olimpica è già un mito e quando i giornalisti gli si fanno addosso lui, non si sa da dove, tira fuori questa frase “Volevo che il mondo sapesse che il mio paese, l’Etiopia, ha sempre vinto con determinazione ed eroismo”. Facciamo tutte le congetture che vogliamo, ma la frase è questa e di determinazione Abebe Bikila ne deve tenere un po’ da parte per gli anni successivi.
Torna in patria accolto e festeggiato come un eroe ed il Negus Hailé Selassié dimostra la sua riconoscenza regalandogli un maggiolino Volkswagen. Quattro anni dopo si presenta all’Olimpiade di Tokyo, non è in gran forma ma vince lo stesso. È il primo a vincere due maratone olimpiche di fila. Stavolta indossa le scarpe. Partecipa anche nel 1968, ma si ritira prima dell’arrivo al traguardo.
Nel 1969 è alla guida del suo maggiolino vicino ad Addis Abeba quando in un terribile incidente, finisce in un fosso e rimane paralizzato dalla vita in giù. Non camminerà mai più, ma non smette di competere, tiro con l’arco, ping pong, e perfino una gara di corsa di slitte in Norvegia. Chissà che freddo. Il 25 ottobre 1973 arriva una emorragia celebrale e questa volta vince lei. Al funerale di questo ragazzo che ha lasciato per sempre la sua impronta su quei sampietrini dall’altra parte del mondo partecipano settantacinque mila persone e la famiglia imperiale.
È diventato un’icona capace di resistere sessant’anni e io mica lo so perché. E non lo so perché mi sono svegliato una domenica mattina presto, ancora col sapore di grappa in bocca, e pure giuro che avevo lavato i denti, ed in testa avevo Abebe Bikila. Era l’unica domenica che non avevo una storia. Forse è ancora Marrakech Express di Gabriele Salvatores che mi viene a salvare, come ormai mille volte. Stamattina forse era Giuseppe Cederna che mi strillava in testa “chi ti credi di essere, Abebe Bikila?” Forte Bikila.

Abebe Bikila

20 settembre 2020

Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Li vediamo camminare nelle nostre città, spesso a testa bassa sui loro passi. Forse a contarli, che poi non bastano mai. L’abito qualche volta sdrucito, qualche volta sgargiante. L’andatura a volte forzata, altre lenta. Sono giovani e vecchi e a chi li guarda sfugge il percorso. L’altro giorno osservavo uno di loro e mi sono chiesto: farà sempre lo stesso tragitto e sempre alla stessa ora, o forse semplicemente va? Passo dopo passo attratto da qualcosa o da qualcuno. Da un ricordo o da chi sa che. Noi li chiamiamo matti. Di qualcuno sappiamo la storia, o una storia che mezza è leggenda, o ancora ne conosciamo tante, ognuna diversa dall’altra. I matti camminano tanto.
Volevo raccontare la storia di uno di loro. Una storia che conosco. Ma le vite fragili non vanno maneggiate. E io li capisco forse un po’. Perché quando i pensieri si fanno ossessivi e ti premono forte sul petto se cammini, se cammini tanto da sfiancarti, sembra che quel peso un poco molli la presa. E cammini senza una meta apparente, con vicoli, strade, piazze, negozi e facce, che se alzi la testa, sembrano alleggerire i pensieri. I matti camminano. Quasi mai si fermano a parlare con qualcuno e noi quasi mai li salutiamo. E forse a loro e a noi va bene così. Forse essere una presenza che però sembra passare inosservata è quello che vogliono. Meglio che sentirsi scrutati per essere ancora una volta definiti, etichettati. Che poi quell’etichetta stessa è quella che ti fa e ti fa rimanere matto. Lo chiamano stigma.
Ogni città, ogni quartiere, ogni paese ha bisogno del suo matto e tu puntuale lo trovi, come il campanile della chiesa. Ad alcuni vogliamo bene, anche se dovremmo volerlo a tutti. Qualche volta ci fanno paura. Girano per le strade e noi li incontriamo e ci dovrebbero ricordare quanto sia importante la felicità, l’anima sgombra e leggera.
Voluti da dio li chiama nonno Kuzja in Educazione Siberiana di Nicolai Lilin. E dice che “la gente li chiama matti, pazzi, anormali, solo perché non capisce quello che pensano e che dicono. Ma la loro lingua è la lingua di Dio, per questo noi li chiamiamo voluti da Dio. E dobbiamo rispettarli tutti, a nessuno è permesso toccarli neanche con un dito ed è a noi che spetta proteggerli anche a costo della nostra vita”. Anche gli indiani d’America rispettavano e proteggevano i matti, riconoscendo il loro contatto con gli dei.
Io non so se credo in qualcosa che possa essere chiamato dio, ma questa sacralità in qualche mio piccolo modo la sento. Se un dio è qualcosa che non si può vedere e toccare forse loro lo possono vedere, toccare e parlarci. Loro sì, mi appaiono sacerdoti. Forse è un modo per dare senso al dolore. E se io volessi una religione allora questa dovrebbe cercare un senso al dolore. E forse è il senso profondo di tutte. Perché stare male è uno schifo e non fa bene a niente, eppure un senso deve averlo. Ma adesso non dobbiamo farci tristi e non dobbiamo farlo adesso né mai. Forse questo vogliono dirci quando ridono per niente. E noi non lo capiamo.
foto archivio manicomio di rieti
La foto è dell’archivio del Manicomio di Rieti
11 ottobre 2020
Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Il giudizio è sempre universale. Assoluto ed insieme superficiale. Condanna o assoluzione. Giuseppe Gulotta è stato condannato all’ergastolo ed è stato assolto per non aver commesso il fatto. È stato colpevole ed è stato innocente. È stato carnefice ed è stato vittima. Due facce di una stessa medaglia che, testa o croce, possono però cambiare il destino. In mezzo gli anni dal 1976 al 2012. Contateli lentamente: uno, due, tre, quattro, cinque, sei, contateli tutti lentamente, fino a 36.
E’ la sera del 27 gennaio 1976 quando qualcuno apre con la fiamma ossidrica il portone della caserma dei Carabinieri di Alcamo Marina, entra e fa fuoco uccidendo nel sonno due carabinieri: Carmine Apuzzo e Salvatore Falcetta. Carmine 19 anni, Salvatore 35. La mattina passa lì davanti l’auto del segretario del Movimento Sociale Italiano Giorgio Almirante, gli agenti di scorta vedono la porta forzata e danno l’allarme.
Scattano immediatamente le indagini: siamo nel 1976 e siamo in Sicilia, la fantasia è una virtù non richiesta e le piste possibili sono due, o terrorismo rosso o mafia. Almeno un colpevole serve sempre e così arriva la notte dell’11 febbraio con un normale posto di blocco: lo fermano. Patente e libretto: si chiama Giuseppe Vesco, guida un’auto rubata ed ha con se una Beretta trafugata dalla caserma di Alcamo Marina. Ma in una storia come questa un colpevole solo non basta, e per far uscire fuori altri colpevoli serve un interrogatorio. Ne incontreremo altri di interrogatori ma da questo devono uscire dei nomi e dei complici ed arrivano: Giovanni Mandalà, Gaetano Santangelo, Vincenzo Ferrantelli e Giuseppe Gullotta. Giuseppe quello di prima, quello che è stato colpevole e innocente. E Giuseppe e gli altri diventano colpevoli perché anche a loro tocca un interrogatorio. Cioè possiamo chiamarlo interrogatorio, ma come sapremo molti anni dopo e molti giorni dopo, contati uno ad uno, possiamo anche affermare che Giuseppe fu costretto a ingerire enormi quantitativi di acqua e sale infilati giù per la gola con un imbuto, mentre era schiacciato fra due piani di legno. E così ha detto che era stato lui. Che era stato anche lui. Fatto sta che Giuseppe ha scontato 22 anni di carcere, Mandalà è morto dopo anni di galera nel 1998, Santangelo e Ferrantelli, invece, si sono rifugiati in Brasile, dove hanno ottenuto lo status di rifugiati. Una storia che se la guardavi con gli occhi giusti non filava da subito, e quelli di Peppino Impastato erano occhi giusti, e che qualcosa non andava lo aveva capito. Purtroppo la fine di Peppino è ben nota e la cartella dove conservava i documenti sui fatti di Alcamo è stata sequestrata dai Carabinieri a casa di sua madre Felicia. E nessuno l’ha vista più. Ancora più tardi Walter Veltroni, membro della Commissione Antimafia ha sostenuto che dietro la strage di Alcamo Marina ci fossero militi di Gladio collusi con la mafia. Ma intanto Giuseppe Gulotta era ancora in galera, sempre in galera e adesso diceva che lui era innocente. Che lui in quella caserma non c’era. Lo ha detto e sicuramente lo ha anche urlato fino a perdere il fiato, fino al 13 febbraio 2012. Anni lunghi e giorni lunghissimi da contare uno ad uno, lentamente. Che provaci tu a restare in piedi. Dall’ergastolo alla scarcerazione. Da assassino a innocente.
Se anche Dio sono oltre duemila anni che rinvia il giorno del giudizio sembra chiaro che sia proprio un lavoraccio. Un giudizio solleva e compiace un animo semplice. Indicare un colpevole, come assolversi, allontana dalle responsabilità vere e profonde, inebriando di un piacere effimero. Una condanna è spesso una via di fuga dalla realtà.
11 ottobre
 25 ottobre 2020
Io non so inventare storie, ma mi piace raccontarle. Quella di Pietro Mennea è una storia di riscatto e ribellione.
Il pregiudizio ed il destino sono brutte bestie ed è difficile criticare chi decida di lasciarli fare il loro sporco lavoro. Ma Pietro Mennea da Barletta scelse che non era il caso e corse veloce e prese quattro lauree. Corse veloce come se non pesasse poco più di sessantacinque chili e prese quattro lauree come non fosse figlio di un sarto e di una casalinga, in un sud Italia che ancora combatteva contro le epidemie di colera e che riempiva i treni per raggiungere il sogno di una vita da operaio nel nord.
Pietro inizia a correre da bambino e lo fa sfidando le auto sportive che passavano in paese. E contro le Alfa Romeo e le Porsche rombanti sui cinquanta metri vinceva sempre. Pietro Mennea nella vita come in pista partiva da dietro, poi però pestava sulle gambe e finiva avanti a tutti. L’impressione era quella non di una corsa contro gli altri, ma di una corsa a superare se stesso. A superare il destino e lasciarselo dietro. E solo qualche istante dopo l’arrivo, ma solo per pochi istanti, quel volto serio si apriva in un sorriso umile di bambino. Per poi tornare alla serietà e alla fatica. Serietà e fatica come una via per la redenzione e come lezione da lasciare, una lezione impartita col sudore e la fatica oltre il limite della fatica. È facendo così che Pietro vince e stabilisce record che costringono i marziani muscolosi di oggi ancora a rincorrere lui, mingherlino. Lui che dopo l’arrivo non metteva in scena coreografie trionfanti, ma si schiudeva in un fugace sorriso umile da bambino. Ma quando aveva sfinito le gambe, le braccia e tutto il corpo allora sfidava la mente. Studiava senza sosta e senza pietà e senza scuse per se stesso. E alla fine come coppe e medaglie arrivano le lauree, studente come gli altri e senza concessioni: ISEF, Giurisprudenza, Scienze Politiche e Lettere.
Essere irrequieto è una dannazione, una condanna e anche l’unica premessa per la ribellione. La ricerca senza risparmio e senza sosta è l’unica e tremenda via per raggiungere un obiettivo, che sia la vittoria o che sia la felicità. E i conati di vomito devi metterli in conto. E mille sconfitte e ancora mille devi metterle in conto. E che poi, nella maggior parte dei casi, non vincerai e non sarai felice devi metterlo in conto. Altrimenti lasciati domare, stai fermo e buono. Non aspirare a niente che non sia respirare, un divano ed uno schermo. Fallo, rinuncia e non credere che per questo ci sia un giudizio in particolare. Che i giudizi non valgono niente e sarai giudicato comunque, che tu ci provi o no. Che tu lotti o no. Scrivo di Mennea, di trionfi, lauree e sento l’ipocrisia. Io non ce la faccio, io non ci credo che esista una via per la salvezza. Io credo che ci dovrebbe essere concesso di vincere e perdere. E che ci dovrebbe essere anche concesso di non partecipare. Che ci siano rese eroiche e vittorie vili. Non ce la faccio, odio la retorica della vittoria e quella della sconfitta. Odio la retorica. Odio la ragione e odio il torto. Odio la buona strada e odio la cattiva strada. Per questo non scriverò della sua carriera politica, né tantomeno della sua morte. Ma Mennea all’arrivo delle Olimpiadi di Mosca non è retorica. Gli ultimi passi sono forza pura, rabbia e ribellione. Poi il sorriso umile di bambino e poi ancora serio quando con orgoglio, rabbia e ribellione dice “un ragazzo del sud senza pista oggi è riuscito a fare il record del mondo”. Non è retorica, è orgoglio, rabbia e ribellione.
L'immagine può contenere: 1 persona, persona che pratica uno sport e spazio all'aperto

a domenica prossima…

25/ 03 2019

Tales of the Wanderers

TalesOfWanderers-Primavera_Calendario

Tales of the Wanderers 2019

 

Tales of the Wanderers

Riprende il viaggio letterario della rassegna Tales of the Wanderers nella suggestiva atmosfera del The Wanderer Whisky,beer And Cocktails, via T. Varrone 41 – Rieti.

https://www.facebook.com/profile.php?id=530674153993051&ref=br_rs

 

Lo scorso inverno abbiamo celebrato l’Inghilterra vittoriana attraverso l’universo orrorifico e fantastico di H.P. Lovecraft, le poesie e visioni di William Blake, il solstizio d’Inverno nei sussurri e leggende dalla nebbia di Avalon da cui emergono storie di streghe, vittime e regine, i Penny Dreadful, i “mostri” più famosi della letteratura da Frankenstein a Dorian Gray, dal Dr. Jekyl a Dracula, streghe e licantropi, catapultati nella gotica Londra vittoriana, chiudendo con il linguaggio evocativo e fantastico di W.B. Yeats e della sua verde Irlanda.

talesofthewanderers_social

 

lovecraftH.P.LOVECRAFT

“Non è morto ciò che può vivere in eterno, e in strani eoni anche la morte può morire”

 

blake locandinaWILLIAM BLAKE

“Il corpo dell’uomo è un giardino di piacere e una costruzione di magnificenza. […] Nel tuo petto racchiudi il tuo paradiso e la terra e tutto quello che abbracci […] nella tua immaginazione, di cui questo mondo mortale non è che un’ombra”.

 

stregheSTREGHE, VITTIME E REGINE

“Adorabile strega, ami tu i dannati?
Dimmi, conosci l’irremissibile?
Conosci il Rimorso dai dardi avvelenati
cui il nostro cuore serve da bersaglio?
Adorabile strega, ami tu i dannati?”
C. Baudelaire

 pennyPENNY DREADFUL

“Beat, happy stars, timing with things below,
Beat with my heart more blest than heart can tell.
Blest, but for some dark undercurrent woe
That seems to draw – but it shall not be so:
Let all be well, be well.”

Pulsate, stelle felici, a tempo con ciò che è sotto di voi
Pulsate con il mio cuore, più lieto di qualsiasi cuore
Lieto. eccetto che per alcuni segnali nascosti di dolore
che sembrano attirarmi – ma non deve essere così:
che tutto vada bene, che vada bene.”

Da Maud
– John Clare –

 

yeatsW.B. YEATS

“Credo nella magia, nell’evocazione degli spiriti, anche se non so che cosa sono; credo nel potere di creare a occhi chiusi magiche illusioni nella mente e credo che i margini della mente siano mobili, che le menti possano fluire l’una nell’altra, così creando o svelando una mente o energia unica, poiché le nostre memorie sono parti dell’unica memoria della natura.”

 

 

TALES 2019

TalesOfWanderers-Primavera_Calendario

Il 29 marzo ripartiremo alla volta del romanzo vittoriano con ” A journey from Wuthering Heights to the lighthouse”: leggeremo le opere delle autrici fra le più celebrate della letteratura inglese, da Jane Austen alle sorelle Anne, Charlotte e Emily Brontë a George Eliot fino a Virginia Woolf; il 19 aprile con ” Not all those who wander are lost” viaggeremo nel mondo epico e fantastico creato da J.R.R. Tolkien; il 17 maggio sorvoleremo cieli poetici con i versi di Lord Byron, John Keats, P.B. Shelley e gli altri; infine il 14 giugno navigheremo con i pirati e i marinai e andremo all’ avventura coi bucanieri di S.T. Coleridge, J. Verne, R.L. Stevenson e J. Swift.

 

20/ 03 2019

Reading Essere

I reading Essere non si fermano, le letture si susseguono oramai dall’agosto 2017 sempre intense e partecipate!

La rassegna RACCONTI DI PRIMAVERA “Un viaggio tra parole alcoliche” , qui di seguito il calendario dei reading della rassegna,

Racconti di Primavera

vedrà protagonista domenica 24 marzo la letteratura dell’Eros, “Tenace come gli inferi è la passione”, cit. dal Cantico dei CanticiEseere Eros locandina

Nel corso dei secoli ogni generazione ha avuto la sua letteratura sensuale da leggere. Uomini e donne di ogni età si sono distratti con libri che hanno cambiato quello che la gente pensava sul sesso e sull’amore romantico anche con certo clamore, e molto spesso hanno mutato gli stessi legami fra uomini e donne. In epoca moderna questo tipo di letteratura – in passato di dominio maschile – è stata ripresa da scrittrici donne, con punti di vista molto diversi e accattivanti.

In attesa delle letture di domenica 24 marzo, vi lasciamo qualche proposta letteraria: titoli e autori culto della letteratura erotica, irrinunciabili per chiunque ami unire il piacere dell’eros a quello della lettura.

 

letteratura erotica

Kamasutra di M.Vatsyayana

Non si può parlare di erotismo classico senza citarlo. Il Kamasutra è ben noto da molte generazioni e culture, anche se è stato scritto intorno al VI secolo. E’ più un manuale o trattato filosofico che altro, ma ha l’obiettivo di far raggiungere l’armonia del sè in quattro punti principali: il benessere fisico economico, il desiderio, il Dharma cioè l’equilibrio fra i due precedenti, e la liberazione dal legame materiale per giungere alla coscienza dell’individuo.

 

Justine disegno di Guido Crepax

Il Marchese De Sade è senza dubbio uno degli autori simbolo della letteratura erotica, specie della più scabrosa e “oscura”. Tra le due opere più celebri spiccano La filosofia nel boudoir, in cui si narra delle lezioni del precettore Dolmancé, maestro di lussuria e di crimine, che hanno luogo nel “delizioso boudoir” di Madame de Saint-Ange, e Justine, ovvero le disgrazie della virtù, che racconta una Francia in cui dominano il vizio e la corruzione. (1791)

Questo romanzo si concentra su una bella ragazza di nome Justine. Nella sua vita ha raccolto una serie di incontri con esplicite richieste estreme, incluse le scene in cui lei è costretta ad essere una schiava. L’autore, il Marchese de Sade, da cui il termine “sadismo” era ben noto per il suo abuso e maltrattamento delle donne, soprattutto per gratificazione sessuale “La sottomissione più completa è la tua sorte, e questo è tutto.” Nata come racconto Justine venne pubblicata in tre versioni a causa del progressivo sviluppo delle avventure della protagonista che richiese continui aumenti nel testo originale e anche delle scene erotiche.

 

laclos-amicizie, o relazioni, pericolose

Le relazioni pericolose di Pierre Choderlos de Laclos (1782)

Un uomo più anziano seduce una donna più giovane per sport, e anche in modo che possa entrare nei mutandoni di un altra donna anziana, un incrocio molto rischioso che per qualcuno finirà male.
Un libro avvincente, originale, irritante e provocatorio, che può essere letto come una fiaba, per puro divertimento o come un saggio sui costumi, ma le relazioni ancora oggi possono essere sempre pericolose.
“Grazie al caldo soffocante di questi giorni, un semplice abitino di cotone mi lascia vedere la morbida rotondità dei fianchi, solo una leggera mussolina le copre il seno; e le mie occhiate furtive, ma penetranti, ne hanno già intuito la forma incantatrice”.

 

venere in pelliccia

Venere in pelliccia di Leopold von Sacher-Masoch (1870)

Venere in pelliccia è un opera archetipa del genere BDSM che comprende bondage, dominazione, sottomissione, feticismo e masochismo, derivante dal cognome dell’autore. La storia ruota attorno a un uomo che chiede alla sua donna di essere il suo schiavo mostrandole così amore e adorazione.

“Di regola è l’uomo a esser premuto sotto il piede della donna, come lei sa meglio di me!” esclamò Monna Venere con sovrano disprezzo. “Certo, ed è proprio per questo che non mi faccio illusioni.” “Ciò significa che adesso lei è il mio schiavo senza illusioni, e io quindi la calpesterò senza pietà”.

 

Historie d'O

Tra i romanzi erotici, Histoire d’O, pubblicato nel 1954 dall’autrice francese Dominique Aury sotto lo pseudonimo di Pauline Réage, è di certo uno dei più controversi. Il romanzo esplora la dinamiche dei rapporti erotici di dominio e sottomissione, raccontando la Storia di O, che per amore di René acconsente a recarsi al Castello di Roissy, dove sarà alla mercé di altri uomini e sperimenterà ogni tipo di pratiche erotiche, in un apprendistato sessuale che la renderà una perfetta schiava. E proprio in questa dimensione di annullamento della volontà che O trova la sua felicità, anche se il suo “padrone” non sarà Renè, ma un altro uomo…. Sebbene O ha una dura punizione intensa e sensuale per mano del suo amante, lo fa attraverso la propria volontà. Si tratta di una lettura movimentata che esplora le motivazioni e le dinamiche di un rapporto complesso.
Pauline Réage (1907-1998), alias Dominique Aury, scrisse Histoire d’O per dimostrare all’editore Jean Paulhan che anche una donna poteva scrivere un romanzo erotico di successo. Il libro, edito nel 1954, vinse l’anno successivo il Prix des Deux Magots.

 

Il delta di Venere

Il Delta di Venere è forse il libro che più di ogni altro – oltre gli indimenticabili Diari – rappresenta lo stile erotico di Anais Nin, scrittrice culto della letteratura erotica del ‘900. Con i suoi racconti – scritti su commissione per un misterioso committente, lavoro procuratole dall’amico e amante Henry Miller – Anais è in grado di eccitare i sensi e di sondare le più intime profondità dell’animo umano, esplorando anche le più sordide fantasie con grazia e straordinaria potenza.
Composto da 15 racconti scritti negli anni ’40 per un privato collezionista, ma pubblicati solo postumi nel 1977 evoca una cascata di incontri sessuali. Redatto con un proprio linguaggio sensuale ed esplorando un territorio che in precedenza era dominato da scrittori uomini con propri punti di vista. Nell’introduzione scrive:

“In questa collezione di racconti erotici, scrivevo per divertire, sotto pressione da parte di un cliente che mi chiedeva di “lasciar perdere la poesia”. E così mi pareva che il mio stile fosse un prodotto della lettura dei lavori maschili. Per questa ragione, per un lungo periodo ebbi la sensazione di esser venuta meno al mio io femminile. E misi da parte i racconti erotici. Rileggendoli ora, che son passati molti anni, vedo che la mia voce non era stata messa completamente a tacere.”

 

Emmanuelle

Emmanuelle di Emmanuelle Arsan, è stato pubblicato per la prima volta a Parigi nel 1967. Da lettura di nicchia è diventato abbastanza rapidamente un best seller mondiale e ha dato vita anche a una serie di film erotici dapprima tratti, e poi ispirati al romanzo. La storia racconta le avventure erotiche, sofisticate e libertine al tempo stesso, della giovanissima moglie di un diplomatico francese a Bangkok, eroina sessualmente emancipata e culturalmente cosmopolita, in omaggio al classico binomio erotismo-esotismo.

 

Paura di volare E. Jong

Paura di volare di Erica Jong (1973)

Prima di Sex and the City e Cinquanta sfumature di grigio c’era la storia di Isadora una poetessa che racconta le sue passioni erotiche durature e liberatorie per le donne di tutto il mondo. Durante un viaggio a Vienna col marito incoraggerà fantasie sessuali con un altro uomo tentando di trovare una ragione nella sua vita e nelle sue relazioni.

“Che razza di donna eri mai? Come potevi continuare a innamorarti di uomini che non conoscevi nemmeno? Come potevi fissare a quel modo la patta dei loro pantaloni? Come potevi startene lì, a una riunione, e immaginare come dovevano essere a letto tutti gli uomini presenti?”.

 

Candore

In Candore di Mario Desiati, il protagonista, Martino Bux, sin da ragazzo è completamente ossessionato dal porno e dal suo immaginario: si innamora solo di donne che somigliano ad attrici hard, lavora solo in posti in cui regnano libertinaggio e sensualità esplicita, si affida a chiunque possa concedergli un attimo di felicità del corpo. Attraverso questo personaggio, l’autore ripercorre un trentennio di storia del porno, durante il quale la pornografia si è trasformata in un fenomeno di massa, in cui immagini e video hanno invaso il web, saturando l’immaginario collettivo.

 

Il gioco

Carlo d’Amicis,  l’autore de Il gioco, affronta il legame triangolare (il gioco, appunto) che si instaura tra un bull, una sweet e un cuckold, raccontando il caos generato dalla pulsione erotica, che non ha né ruoli né confini precisi. I personaggi di questo libro hanno deciso di vivere il desiderio in maniera totalizzante, senza limiti imposti dalla società e, proprio attraverso il sesso, riescono a trovare (o almeno a cercare) se stessi: “La loro vivace vita erotica non rappresenta un’evasione, una fuga dalla realtà, ma uno strumento investigativo per conoscere meglio la loro vera natura, per farne, in qualche modo, un’esperienza umana“, ha sottolineato D’Amicis.

 

Vi lasciamo con i versi di Arthur Rimbaud: per il poeta la seduzione è un gioco a chi si lascia andare prima

Ella era ben poco vestita
Ella era ben poco vestita
E degli alberi grandi e indiscreti
Flettevano i rami sui vetri
Con malizia, vicino, vicino…
Seduta sul mio seggiolone,
Seminuda, giungeva le mani.
Al suolo fremevano lieti
i suoi piccolissimi piedi.
Io guardavo, colore di cera,
un piccolo raggio di luce
sfarfallare nel suo sorriso
e sul suo seno, mosca al rosaio.
Le baciai le caviglie sottili.
Ebbe un ridere dolce e brutale
Che si sciolse in un limpido trillo,
Un ridere grazioso di cristallo.
I suoi piedini sotto la camicia
Si salvarono: “Beh, vuoi finirla?”
La prima audacia era stata permessa,
Ma ridendo fingeva di punirla!
Baciai, palpitanti al mio labbro,
I suoi timidissimi occhi;
Lei ritrasse la sua testolina
Esclamando: “Ma questo è ancor meglio!…
Signore, ho qualcosa da dirvi…”
Tutto il resto gettai sul suo seno
In un bacio, del quale ella rise
D’un riso che fu generoso…
Ella era ben poco vestita
E degli alberi grandi e indiscreti
Flettevano i rami sui vetri
Con malizia, vicino, vicino..

e di Patrizia Valduga,poetessa italiana
Terra alla terra, vieni su di me:
voglio il tuo vomere nella mia terra,
fiorire ancora traboccando
e offrire il fiore a te, mio cielo in terra.

10/ 03 2019

OttoMarzo

loc

 

“OttoMarzo”

è la giornata che Solea Arte e Cultura
in collaborazione con l’Alessandro Rinaldi Foundation ha dedicato all’Arte, la Fotografia, la Pittura, lo Stile, la Lettura e la Scrittura negli spazi del Sazerac caffè in via Roma 1, Rieti.

Sono stati ospiti dell’evento l’artista e designer campana, trapiantata a Lipari, Loredana Salzano Artepensierodesign , che realizza ceramiche artistiche, pitture informali, sculture con materiali di recupero provenienti direttamente dal mare.

Alice Attònita” e “Nostra Signora dei Vulcani” sono i nomi con i quali l’artista è conosciuta al pubblico attraverso mostre ed eventi di arte e design a livello nazionale e internazionale. E’ anche autrice della raccolta di poesie “Isole brade”, pensieri sparsi, sospesi tra realtà e sogno, intrisi di mare, impregnati di colori e profumi mediterranei.

Loredana Salzano Nostra Signora dei Vulcani

Loredana Salzano
Nostra Signora dei Vulcani

https://www.facebook.com/soleaitalia/videos/401442283753444/?t=2

Ospiti di OttoMarzo anche Itzel Cosentino Photographer , che ha esposto alcuni suoi scatti

Itzel Cosentino

Itzel Cosentino

Maia Palmieri , artista e designer reatina che ha esposto nelle sale del Sazerac caffè le sue “plexybag”

Le plexibag di Maia Palmieri

realizzate in pelle e plexiglass, lavorato con cura artigianale e impreziosito con il tocco artistico del dipinto realizzato interamente a mano ed i gioielli Xme in acciaio

Gioielli in acciaio di Maia Palmieri

 

Benedetta Bellucci  editrice e curatrice delle edizioni Puntidivista Casa Editrice, casa editrice formata da un gruppo di donne coraggiose, determinate, sognatrici e fantasiose e operativa a Rieti, presenterà i suoi prodotti editoriali e la sua nuova linea di gioielli in plexiglas

PDV

 

Marco Bellucci

Marco Bellucci

grafico, web designer e copywriter, si occupa di fotografia, architettura e interni per una società europea. Ama i ritratti, la fotografia analogica e la camera oscura. Collabora con il Teatro Furio Camillo ed altri teatri romani; per l’intero pomeriggio ha ritratto i partecipanti in un set fotografico allestito negli spazi del Sazerac caffè.

 

Di seguito tutti gli scatti d’autore dell’intera giornata dedicata all’OttoMarzo

4

8

9

10

11

BEM_5828BEM_5924

BEM_5937

BEM_5978-2BEM_5947

BEM_5972-2BEM_5992-2BEM_6014

BEM_5999-2

BEM_5950

BEM_5957

BEM_5964-2

BEM_6012

BEM_6030

BEM_5979-2

BEM_6023

BEM_6020

BEM_6028

BEM_6046

BEM_6050

BEM_6056

BEM_5811

BEM_5814

BEM_5877

BEM_5904

BEM_5934

BEM_5990-2

BEM_6010

BEM_6062

BEM_6079

BEM_6077

 

BEM_6043

BEM_6034

BEM_6038

BEM_6084

BEM_6007

BEM_6005

BEM_6009

BEM_5875

BEM_5769BEM_5841

BEM_5915

BEM_6074

BEM_6081

BEM_6001

BEM_5834

 

Alle h 19.00 è partita la maratona letteraria dedicata al libro di David Herbert Lawrence

“L’amante di Lady Chatterly”

L'immagine può contenere: 1 persona

 

OttoMarzo locandina

23/ 01 2019

Giovanni Lucchese “L’uccello padulo”

locandina

Giovanni Lucchese, vincitore del Premio Giallo al Centro edizione 2018, è tornato a Rieti

finale Giallo al Centro 2018

un scatto  da Giallo al Centro edizione 2018

50638570_2026083340804169_9070591632000155648_n

 

Domenica 20 gennaio Giovanni Lucchese ha aperto la tourne delle presentazioni del suo ultimo libro “L’uccello padulo” Alterego Edizioni al Depero Club, via T.Varrone 36 – Rieti.

Depero Club

 

 

50590586_2026078130804690_2447082016605208576_n

La serata con Giovanni Lucchese è stata moderata da Benedetta Bellucci, editore di Punti di Vista e membro dell’Alessandro Rinaldi Foundation

50310994_2026078674137969_208228110523432960_nBenedetta Bellucci

Alessandro Rinaldi Foundation

Alessandro Rinaldi Foundation

Altre immagini della bella serata in compagnia di Giovanni Lucchese

50634337_2026078820804621_1439081753766526976_n

 

50272803_2026079357471234_70867063463215104_n

50283454_2026079737471196_8070157679902851072_n

 

50261136_2026079027471267_3478748567152099328_n

 

L’UCCELLO PADULO

Sinossi
Affascinante, nobile e scandalosamente ricco.
È Gianandrea Ludovisi, detto Billo, un ragazzo che trascorre il tempo tra shopping sfrenato, sesso occasionale, droga e notti brave in giro per la capitale.
Al termine di una di queste serate, ridotto in uno stato pietoso, Billo conosce Mamma Sophie, un’attempata trans che gestisce una piccola masnada di personaggi eccentrici. Tra i due nasce un’amicizia tanto insolita quanto profonda.
Il rapporto di Billo con la nobile famiglia di appartenenza, composta da un padre arrogante e megalomane, una madre stralunata e depressa, e due fratelli completamente privi di carattere, inizierà a sfaldarsi sempre di più, in favore del fascino che il gruppo di Mamma Sophie esercita su di lui.
L’uccello padulo è un romanzo provocatorio e irriverente, una processione di personaggi bizzarri e anomali che si sono inventati un proprio ruolo nel mondo. Ma è anche un affresco nostalgico e tenero di un’età di mezzo, una poesia visionaria sul concetto di appartenenza e di famiglia, un processo di trasformazione di un protagonista che ha, in sé, una buona fetta di tutte le contraddizioni umane.

 

Giovanni Lucchese è nato e vive a Roma.
Appassionato di musica, cinema e cultura pop, ha frequentato i corsi di scrittura della scuola Omero, con la quale collabora scrivendo recensioni musicali, articoli di attualità e racconti brevi per la rivista “Mag O”.
Ha pubblicato i racconti L’allievo e Il più grande cornuto dell’universo sulla rivista Carie.
Nel 2016 ha esordito con la raccolta di racconti Pop Toys (Alter Ego Edizioni).

Del 2017 è il romanzo Questo sangue non è mio (Alter Ego Edizioni), vincitore del festival Giallo al Centro Rieti 2018.

Questo sangue non è mio

 

L’uccello padulo è il suo secondo romanzo.

 

 

12/ 06 2018

Monet, Complesso del Vittoriano

Monet

Care Amiche e cari Amici di Solea, nei giorni scorsi siamo stati a visitare la mostra di Monet a Roma al Complesso del Vittoriano. Le foto non rendono giustizia ai capolavori, perdonateci per questo! Vi assicuriamo che è sempre “troppo” emozionante vedere questi capolavori. Vi promettiamo foto magnifiche dal nostro prossimo “incontro” con Monet direttamente a Parigi e a Giverny!

Monet a Giverny

Monet a Giverny

Brevi cenni biografici: Claude Monet nasce a Parigi nel 1840, a quindici anni a Le Havre è già famoso per le sue caricature. Quì impara dal suo primo maestro Boudin a dipingere all’aperto, davanti al paesaggio. torna a Parigi e frequenta lo studio libero dell’Accadémie Suisse, dove conosce Pissarro. Nel ’65 espone due sue marine al Salon suscitando l’interesse di molti, ma nel ’67 si vede rifiutare le sue “Femmes au jardin”. Nel ’74, da un suo quadro intitolato “Impressonione, levar del sole”, nasce il nome di IMPRESSIONISTI che viene assegnato ai compagni che avevano esposto con lui nella prima collettiva del gruppo nei locali del fotografo Nadar. Frequenta Manet e Renoir ad Argenteuil; a Vétheuil, nel ’79, muore sua moglie Camille, presenza costante anche nella sua arte. Si risposa con la vedova del collezionista Hoschedée va a vivere a Giverny. Monet trasformò la pittura en plein air in un rituale di vita e – tra la luce assoluta e la pioggia fitta, tra le minime variazioni atmosferiche e il sole, riuscì a tramutare i colori in tocchi di pura energia, riuscendo nelle sue tele a dissolvere l’unità razionale della natura in un flusso indistinto eppure abbagliante.

occhiali, tavolozza e pipa

occhiali, tavolozza e pipa

Il percorso espositivo racconta l’evoluzione della carriera di Monet nelle sue molteplici sfaccettaure, dalle celebri caricature della fine degli anni 50 dell’800

Monet, caricature

Caricature

Monet, caricature

Caricature

ai paesaggi rurali e urbani di Londra, Parigi, Vétheuil, Pourville e delle sue tante dimore; dai ritratti dei figli

Monet, ritratti

Ritratti dei figli

alle tele dedicate da Monet ai fiori del suo giardino di Giverny, i salici piangenti, le rose, il ponte giapponese e le monumentali Ninfee.

Monet, Iris

Iris

Monet, Le Rose

Monet, Salice Piangente

Salice Piangente

Monet, Ninfee

Ninfee

Monet, Ninfee

Ninfee

 

3/ 04 2018

Moreno Colasanti

Moreno Colasanti, ad un anno dalla personale LOVEHATE, è tornato ad esporre per due giorni in una collettiva di artisti reatini.

self-portrait

self-portrait

Wonder

“Wonder”

Moreno Colasanti ha esposto le sue opere in calligrafia,

calligrafia

“Affondo nei tuoi occhi cercando..”

disegni con la penna Bic

Don't be afraid by your half

“Don’t be afraid by your half”

Face

“Point of view”

Flower“Se hai qualcosa da dire e sai come dirlo con l’arte, basterà”

Le opere sono state prodotte anche su elementi di recupero come tavole da skateboard.

tavola skateboard

“Everywhere”.

Le opere sono in vendita. Info colasantimoreno@gmail.com

28/ 03 2018

Giardino di Ninfa riapre il 31...

La storia del Giardino di Ninfa

veduta principale
Il giardino di Ninfa è stato dichiarato Monumento Naturale dalla Regione Lazio nel 2000 al fine di tutelare il giardino storico di fama internazionale, l’habitat costituito dal fiume Ninfa, lo specchio lacustre da esso formato e le aree circostanti che costituiscono la naturale cornice protettiva dell’intero complesso, nelle quali è compreso anche il Parco Naturale Pantanello, inaugurato il 15 dicembre 2009.
Il nome Ninfa deriva da un tempietto di epoca romana, dedicato alle Ninfe Naiadi, divinità delle acque sorgive, costruito nei pressi dell’attuale giardino.SAM_0425

A partire dal VIII l’Imperatore Costantino V Copronimo concesse a Papa Zaccaria questo fertile luogo, facente parte di un più vasto territorio chiamato Campagna e Marittima, entrò a far parte dell’amministrazione pontificia. Al tempo contava solo pochi abitanti, ma aveva assunto un ruolo strategico per la presenza della Via Pedemontana: trovandosi ai piedi dei Monti Lepini, era l’unico collegamento alle porte di Roma che conduceva al sud quando la Via Appia era ricoperta dalle paludi. Dopo l’XI secolo Ninfa assunse il ruolo di città e fra le varie famiglie che la governarono ricordiamo i Conti Tuscolo, legati alla Roma pontificia, e i Frangipani, sotto i quali fiorì l’architettura cittadina e crebbe la considerazione economica e politica di Ninfa, ricordiamo infatti che nel 1159 il cardinale Rolando Bandinelli fu incoronato pontefice Alessandro III nella Chiesa di Santa Maria Maggiore. Nel 1294 salì al soglio pontificio Benedetto Caetani, Papa Bonifacio VIII, figura potente e ambiziosa, che nel 1298 aiutò suo nipote Pietro II Caetani ad acquistare Ninfa ed altre città limitrofe, segnando l’inizio della presenza dei Caetani nel territorio pontino e lepino, presenza che sarebbe durante per sette secoli.
Pietro II Caetani ampliò il castello della città, aggiungendo la cortina muraria con i quattro fortini e innalzando la torre, già presente, a 32 metri, e realizzò il palazzo baronale.

Nel 1382 Ninfa fu saccheggiata e distrutta da parte di Onorato Caetani sostenitore dell’antipapa Clemente VII nel Grande Scisma e avverso al ramo dei Caetani che possedevano Ninfa, i Palatini sostenitori di Urbano VI.
La città non fu più ricostruita, anche a causa della malaria che infestava la pianura pontina, i cittadini sopravvissuti se ne andarono lasciando alle spalle i resti di una città fantasma, gli stessi Caetani si spostarono a Roma e altrove. Nonostante ciò le chiese continuarono ad essere officiate dagli abitanti delle vicine colline per tutto il XV e in parte del XVI secolo, per poi essere del tutto abbandonate. Oggi rimangono i ruderi di San Giovanni, San Biagio, San Pietro fuori le mura, San Salvatore e Santa Maria Maggiore, cui parte degli affreschi furono distaccati nel 1971 per essere custoditi nel castello Caetani di Sermoneta.
Nel XVI secolo il cardinale Nicolò III Caetani, amante della botanica, volle creare a Ninfa un ‘giardino delle sue delizie’. Il lavoro fu affidato a Francesco da Volterra che progettò un hortus conclusus, un giardino delimitato da mura con impianto regolare, proprio accanto alla rocca medievale dei Frangipane. Alla morte del cardinale quel luogo di delizie, in cui furono coltivate pregiate varietà di agrumi, fra cui il Citrus Cajetani, e allevate trote di origine africane, fu abbandonato. Un nuovo tentativo di insediamento fu fatto da un altro esponente della famiglia Caetani nel XVII, il Duca Francesco IV, il quale ‘buono al governo dei fiori’, si dedicò alla rinascita dell’hortus conclusus ma la malaria costrinse anche lui ad allontanarsi da Ninfa. Della sua opera rimangono le polle d’acqua e le fontane.
Durante l’Ottocento il fascino delle sue rovine attirò molti viaggiatori che percorrevano l’Italia riscoprendo l’antico: la ‘Pompei del Medioevo’, come la definì Gregorovius, era un luogo spettrale, magico e incancellabile dalla memoria di chi la vide.
Alla fine dell’Ottocento i Caetani ritornarono su i possedimenti da tempo abbandonati. Ada Bootle Wilbraham, moglie di Onoraro Caetani, con due dei sui sei figli, Gelasio e Roffredo, si occuparono di Ninfa decidendo di crearvi un giardino in stile anglosassone, dall’aspetto romantico. Bonificarono le paludi, estirparono gran parte delle infestanti che ricoprivano i ruderi, piantarono i primi cipressi, lecci, faggi, oggi maestosi, rose in gran numero, e restaurarono alcune rovine, fra cui il palazzo baronale, che divenne la casa di campagna della famiglia, oggi sede degli uffici della Fondazione Roffredo Caetani.
La realizzazione del giardino fu guidata soprattutto da sensibilità e sentimento, seguendo un indirizzo libero, spontaneo, informale, senza una geometria stabilita. Marguerite Chapin, moglie di Roffredo Caetani, continuò la cura del giardino introducendo nuove specie di arbusti e rose e negli anni Trenta del Novecento aprì le sue porte all’importante circolo di letterati ed artisti legato alle riviste da lei fondate, “Commerce” e “Botteghe Oscure”, come luogo ideale in cui ispirarsi.
Durante la Seconda Guerra Mondiale la famiglia Caetani si rifugiò nel castello Caetani di Sermoneta, facendo ritorno a Ninfa solo dopo il 1944, il giardino nel mentre fu utilizzato come base per le munizioni da parte dei soldati tedeschi, che ne preservarono l’integrità grazie agli alberi presenti che favorirono la possibilità di mimetizzarsi. L’ultima erede e giardiniera fu Lelia, figlia di Roffredo Caetani. Donna sensibile e delicata, curò il giardino come un grande quadro, accostando colori e assecondando il naturale sviluppo delle piante, senza forzature, ed evitando l’uso di sostanze inquinanti. Aggiunse numerose magnolie, prunus e rose rampicanti, e, insieme alla madre Marguerite, realizzò accanto alle mura sud della città di Ninfa un rock garden, chiamato anche ‘colletto’. Donna Lelia morì nel 1977, ma prima della sua morte decise di istituire la Fondazione Roffredo Caetani al fine di tutelare la memoria del Casato Caetani, di preservare il giardino di Ninfa e il castello di Sermoneta, e di valorizzare il territorio pontino e lepino.

SAM_0414

Un accenno alla flora del Giardino
All’interno del giardino di Ninfa si incontrano varietà di magnolie decidue, betulle, iris palustri e una sensazionale varietà di aceri giapponesi, inoltre a primavera i ciliegi e meli ornamentali fioriscono in maniera spettacolare.
Fra le oltre 1300 piante diverse introdotte che è possibile ammirare negli otto ettari di giardino ricordiamo i viburni, i caprifogli, i ceanothus, gli agrifogli, le clematidi, i cornioli, le camelie.
Molte varietà di rose rampicanti sono sostenute dalle rovine ed estendono i lunghi rami vigorosi sugli alberi quali: Rosa banksiae banksiae, RosaTausendshön, Rosa ‘Mme. Alfred Carriere’, Rosa filipes ‘Kiftsgate’, Rosa ‘Gloire de Dijon’, Rosa ‘Climbing Cramoisi Supérieur’.Le rose arbustive bordano il fiume, i ruscelli, i sentieri o formano aiuole come Rosa roxburghii, Rosa ‘Général Shablikine’, Rosa ‘Mutabilis’, Rosa hugoni, Rosa ‘Ballerina’, Rosa ‘Iceberg’, Rosa ‘Max Graf’, Rosa ‘Complicata’, Rosa ‘Penelope, Rosa ‘Buff Beauty’.
Il clima particolarmente mite di Ninfa permette anche la coltivazione di piante tropicali come l’avocado, la gunnera manicata del Sud America e i banani.
Vi sono anche molti arbusti piantati non solo per la loro bellezza ma anche perché offrono ospitalità alle numerose forme di animali presenti fra cui si evidenzia il folto gruppo dell’avifauna rappresentato da oltre 100 specie censite.

SAM_0475

SAM_0428SAM_0423Riapre il 31 marzo

20/ 03 2018

Letture a voce alta

Dalla scorsa estate abbiamo sperimentato la forza delle letture a voce alta attraverso gli autori più amati, spaziando dalla letteratura alla poesia alla musica.

letture dissacranti e scorrette

letture dissacranti e scorrette

 

Il primo appuntamento è stato con Charles Bukowski e la sua narrativa dissacrante e scorretta

Bukowski

le letture sono state estratte da “Santo cielo perché porti la cravatta”, da “Svastica”, da “Il sole bacia i belli”, da “Donne”, da “Sui gatti. E da “Per sei dollari l’ora” la splendida performance di Lorenzo Garufo, in prestito dalla Compagnia….

Corriere di Rieti

 

https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fm.ilmessaggero.it%2Frieti%2Frieti_reading_bukowski_ponte_romano-2631819.html&h=ATOov_ep2Ihlde4wP_AFIIL_yzXVsqOoMHTdjw0EU_yvOUE9YbMRUs_3MsVBqqy1UCMYXpFxUZk9jWBR4s-Jwj6Z69wIx8E53-EEAtT0gXXmzk1BMA

Abbiamo continuato con la narrativa di fiesta e d’avventura di Ernest Hemingway

Locandina

Locandina

le cui letture sono state tratte da “I quarantanove racconti”, “Fiesta”, “Il vecchio e il mare”, “Addio alle armi”, “Di là dal fiume e tra gli alberi”, “Per chi suona la campana”, “Il leone buono”. Come disse il buon vecchio Papa Hem: “Bevo per far sembrare le persone più interessanti”….

Essere Hemingway

Fiesta

https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.ilmessaggero.it%2Frieti%2Frieti_hemingway_reading_letterario-3253488.html&h=ATOov_ep2Ihlde4wP_AFIIL_yzXVsqOoMHTdjw0EU_yvOUE9YbMRUs_3MsVBqqy1UCMYXpFxUZk9jWBR4s-Jwj6Z69wIx8E53-EEAtT0gXXmzk1BMA

Da qui è iniziata la rassegna “Racconti d’inverno – un viaggio tra parole alcoliche”

Locandina

Il primo appuntamento delle letture a voce alta della rassegna invernale è stato dedicato ai poeti maledetti Baudelaire, Rimbaud, Verlaine

Locandina

dei quali abbiamo decantato “Al lettore” “Zingaro in viaggio” “La bellezza” “Il vino dell’assassino” di C.Baudelaire

“Spleen” “Corteo” “Arte poetica”di P.Verlaine, “Ofelia” “Sensazione” “ La mia bohème” “Voglio essere poeta” di A. Rimabud, “La farfalla dell’anima” di E. Vivien, “Le rose di Modigliani” di A. Achmatova.

Essere Maledetti

L’Absinthe

 

Essere Maledetti

Chapeau

https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fm.ilmessaggero.it%2Frieti%2Frieti_reading_letterario_francia_poeti-3324912.html&h=ATOov_ep2Ihlde4wP_AFIIL_yzXVsqOoMHTdjw0EU_yvOUE9YbMRUs_3MsVBqqy1UCMYXpFxUZk9jWBR4s-Jwj6Z69wIx8E53-EEAtT0gXXmzk1BMA

A novembre la forza e l’impegno civile di Oriana Fallaci

Locandina

le cui letture sono state tratte da “Lettera a un bambino mai nato” “Se il sole muore” “Insciallah” “Un Uomo” “La lettera a P.P.Pasolini” “La rabbia e l’orgoglio” “La forza della ragione”…frasi e citazioni…

gli strumenti del mestiere

gli strumenti del mestiere

“Chi ama la vita non riesce mai ad adeguarsi, subire, farsi comandare. Chi ama la vita è sempre con il fucile alla finestra per difendere la vita. Un essere umano che si adegua, che subisce, che si fa comandare, non è un essere umano”

Una Donna

Oriana, una Donna e la Storia

https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fm.ilmessaggero.it%2Frieti%2Frieti_reading_letterario_oriana_fallaci_ponte_romano-3385346.html&h=ATOov_ep2Ihlde4wP_AFIIL_yzXVsqOoMHTdjw0EU_yvOUE9YbMRUs_3MsVBqqy1UCMYXpFxUZk9jWBR4s-Jwj6Z69wIx8E53-EEAtT0gXXmzk1BMA

Dicembre ci ha visti impegnati con la grande musica blues e rock: la voce e i testi di J.J. hanno scaldato la serata!

locandina

Da “Try” “Ball and Chain” “Cry Baby” “Mercedes Benz” “Piece of my heart” “Kozmic blues” “A woman left alone”.

club 27

club 27

A gennaio l’appuntamento con E.A. Poe ha catturato l’attenzione di tanti estimatori dell’opera dell’autore, dalle poesie ai racconti del grottesco e dell’incubo, al romanzo poliziesco

Locandina
“Sognando sogni che mai prima uomo osò sognare”

incubi e vino

incubi e vino

Abbiamo letto le poesie “Un sogno” “A mia madre” “Terra di fate” “Il verme conquistatore” “Annabel Lee” la lettera ad Elena Whitman e alcuni estratti da “La morte rossa” “Il cuore rivelatore” “ Il diavolo del campanile” “I delitti della rue Morgue” “Ombra”

presenze..

presenze..

e “Morella”

Light on Poe

Light on Poe

A febbraio non potevamo non celebrare l’Amore

https://l.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fm.ilmessaggero.it%2Frieti%2Frieti_amore_reading_letterario_san_valentino-3546212.html&h=ATOov_ep2Ihlde4wP_AFIIL_yzXVsqOoMHTdjw0EU_yvOUE9YbMRUs_3MsVBqqy1UCMYXpFxUZk9jWBR4s-Jwj6Z69wIx8E53-EEAtT0gXXmzk1BMALocandina

Abbiamo scelto la lettura delle più belle corrispondenze d’amore d’autore di tutti i tempi:

lettera dalla storia

lettera dalla storia

“Amata immortale” di L.van Beethoven, la lettera d’amore di Karl Valentin, la lettera di A.Eistein alla figlia Lisiern e quella di J. Steinbeck al figlio Thom, la lettera di Salvo Montalbano a Livia, dalla penna di A. Camilleri, la lettera del capitano Wentworth a Anne Elliot tratta da Persuasione di Jane Austen, la lettera di Jhonny Cash alla moglie per il suo 65° compleanno, e le video letture delle lettere di I. Calvino a Elsa de Giorgi, Oriana Falla ci a Alekòs Panagulis, di Adele Sandrock a Arthur Schnitzler e alcune estratte da “Oceano mare” e “Seta”di A. Baricco, la poesia “Lettera d’amore” di S. Plath, e due Inediti.

Inedito..Affondo

Inedito..Affondo

 

 

 

 

 

20/ 02 2018

San Giorgio, i libri e le...

Siamo a Barcellona, Catalogna . Qui ogni 23 aprile si celebra il giorno di San Giorgio, Sant Jordi, una delle feste più celebrate. E’ talmente tanto particolare che è un giorno festivo in cui si lavora. La leggenda di San Giorgio, conosciuta in tutto il mondo, narra che in una città (diversa a seconda del paese) c’era un drago che attaccava il regno. Gli abitanti per tenerlo lontano decisero di fargli dono ogni giorno due pecore per placare la sua ira. Quando però le pecore del regno iniziarono a scarseggiare gli abitanti decisero di offrirgli una pecora ed una persona tirata a sorte. La sorte scelse di sacrificare la principessa del regno. Mentre la principessa andava incontro al suo destino, apparse il cavaliere Giorgio, divenuto poi San Giorgio,  che uccise il drago e la salvò.

San Giorgio lotta contro il Drago e salva dal sacrificio la Principessa

San Giorgio lotta contro il Drago e salva dal sacrificio la Principessa

Nella versione catalana della storia si dice che dal sangue del drago nacque una rosa rossa divenuta il simbolo di questo giorno.In Catalogna, San Giorgio è il patrono degli innamorati. La tradizione vuole che gli innamorati si scambino una rosa rossa ed un libro. L’uomo regala una rosa rossa con una spiga di grano alla donna e lei gli regala un libro. E’ una festa che esalta l’amore, la cultura ed il patriottismo. La rosa è simbolo dell’unicità dell’amore, il colore rosso simboleggia la passione e la spiga di grano la fecondità.

Le rose simbolo

Le rose rosse, simbolo di passioneBarcellona si veste a festa nella giornata di San Giorgio. Ad ogni angolo della città ci sono banchetti che vendono rose e libri. Le strade più popolari sono la rambla Catalunya e Las Ramblas.

Si organizzano molte attività culturali tra le quali la più importante è la firma dei libri da parte degli autori

San Giorgio

In questo giorno cultura e romanticismo si uniscono in un sentimento unico!!

Di seguito una proposta interessante della Grimaldi

Una nave di libri

Una nave di libri

https://www.grimaldi-lines.com/it/eventi/una-nave-di-libri- per-barcellona-2018

Durante il viaggio, un ricco programma di intrattenimento delizierà gli ospiti, con reading, spettacoli teatrali, proiezioni di film, dibattiti con la partecipazione di famosi scrittori.

Si parte!